Reddito di cittadinanza, corsi di formazione obbligatori e riqualificazione: ecco le novità in arrivo

Reddito di cittadinanza, corsi di formazione obbligatori e riqualificazione: ecco le novità in arrivo

Il ministro Orlando al lavoro per la nuova proposta


NAZIONALE – Il reddito di cittadinanza, ormai si sa, è una delle forme di sussidio proposte dal governo italiano più discusse di sempre, proprio a causa di tutti quei “furbetti” che, percependolo indebitamente, ne stanno mettendo a dura prova l’affidabilità. “È troppo presto per dire se il reddito di cittadinanza se verrà riformato, ridisegnato, se cambierà platea. Quello che vorrei dire è che il concetto alla base del reddito di cittadinanza io lo condivido in pieno“, ha detto Mario Draghi nel suo discorso prima della pausa estiva.

Ma le polemiche sono all’ordine del giorno e il ministro del Lavoro Andrea Orlando è al lavoro per introdurre una nuova condizione per poter ottere il reddito e continuare a percepirlo: vale a dire legare il sussidio a corsi di formazione e riqualificazione professionale. C’è chi poi ipotizza, per le fasce più povere, una fusione col reddito di emergenza.

Certo è che, purtroppo, in base ai dati Inapp, con il reddito la situazione del tasso di povertà nel Paese non è migliorata, anzi. Il Comitato scientifico per la valutazione del reddito istituito proprio per trovare delle valide soluzioni è attualmente al lavoro insieme al ministro Orlando per apportare delle correzioni alla misura grillina. Si discute sui requisiti di accesso al sussidio, alcuni considerati troppo stringenti, come l’obbligo di residenza di 10 per gli stranieri, l’assenza di differenziazione regionale, oppure il moltiplicatore troppo basso per le famiglie numerose. Modifiche, dunque. Non abolizione.