Serena trovata morta in casa dal compagno a 37 anni: lo zio si toglie la vita per il dolore

Serena trovata morta in casa dal compagno a 37 anni: lo zio si toglie la vita per il dolore

Il suo bambino di due anni e mezzo stava dormendo, nella stanza accanto


VENETO – Un vero giallo quello di Serena Fassan, la 37enne, farmacista di Castelfranco, trovata senza vita dal compagno. La donna era a terra, esanime, accanto al cellulare con cui forse aveva cercato di chiedere aiuto. Il suo bambino di due anni e mezzo stava dormendo, nella stanza accanto.

La tragedia, secondo quanto riportato da Il Gazzettino, è avvenuta nel pomeriggio di ieri. A dare l’allarme il compagno di Serena alle 18.30, i medici giunti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della giovane, apparentemente in ottima salute. Da un primo esame autoptico sul corpo della donna non ci sarebbero segni  di violenza e non ci sarebbero tracce di effrazione in casa. L’ipotesi principale è quella del malore improvviso, ma non si scarta alcuna pista. La salma della donna si trova ora all’obitorio di Treviso, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Un’ulteriore tragedia ha colpito la famiglia di Serena Fassan, lo zio alla notizia della morte della nipote si è suicidato: si è gettato dal ponte di Borso del Grappa, da una altezza di quasi cento metri. L’uomo, che viveva a Castelfranco, non era rientrato a casa dopo aver appreso di quanto accaduto alla nipote, e questo aveva destato dei sospetti nei famigliari, i quali a un certo punto, insospettiti, hanno contattato Suem 118, vigili del fuoco e carabinieri. Sono scattate le ricerche dei militari della compagnia locale. Ma una volta sul posto, lungo la strada che porta a Crespano, i militari hanno subito capito la portata del dramma non appena hanno notato la macchina dell’uomo ferma senza nessuno all’interno. Lo zio di Serena Fasan si è gettato, come riportato da La Tribuna di Treviso,  da quello che una volta era definito “ponte dei suicidi”, dove si trova un dislivello molto profondo con la vallata e il corso d’acqua sottostante. Non è ancora chiaro come abbia scavalcato il ponte, grigliato proprio per prevenire eventuali altri tentativi di togliersi la vita. Il 118 ha constatato il decesso. Una tragedia nella tragedia, per la famiglia, ancora sotto shock per quanto successo poche ore prima in via Ponchini, dove il compagno di Serena Fasan, ha trovato la 35enne morta. I carabinieri del nucleo investigativo di Castelfranco, in questo momento, indagano per capire se esiste una correlazione tra il primo evento, che per ora ha tutti i contorni del giallo, e il suicidio nella notte dello zio. Non si esclude alcuna pista.