Tragedia in vacanza, ragazzo di 28 anni muore annegato: era sfuggito al controllo del padre

Tragedia in vacanza, ragazzo di 28 anni muore annegato: era sfuggito al controllo del padre

Il padre, non appena si è accorto di aver perso di vista il figlio con disabilità, ha iniziato a cercarlo nei dintorni di piazzale, ma quando è stato ritrovato non c’era più nulla da fare


VENETO – Antonio Menna, 28 anni, affetto da autismo, è morto annegato mentre faceva il bagno col padre a Porto Santa Margherita. Stando ad una prima ricostruzione dei carabinieri, padre e figlio erano in vacanza insieme sul litorale per ferragosto.  I fatti sono avvenuti intorno alle 21.00 di ieri, il giovane vicentino si sarebbe allontanato da uno dei genitori mentre insieme camminavano sull’arenile interno di Porto Santa Margherita, vicino alla località balneare di Caorle, facendo perdere le sue tracce fino al suo ritrovamento, purtroppo senza vita, in acqua proprio di fronte alla costa dell’Adriatico.

LE RICERCHE E I TENTATIVI DI RIANIMAZIONE 

Il padre, non appena si è accorto di aver perso di vista il figlio con disabilità, ha iniziato a cercarlo nei dintorni di piazzale Portesin, vicino agli impianti sportivi e a uno stabilimento balneare, e ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine. A distanza di pochi  minuti la consapevolezza che nel frattempo qualcosa di irreparabile era accaduto sulla riva , nonostante alcuni soccorritori si siano precipitati sul posto tentando le manovre di rianimazione sul povero ragazzo, ritrovato già deceduto. La famiglia in soggiorno a Caorle risulta residente nel capoluogo berico, e la notizia della tragedia ha colpito la città di Vicenza, dove è giunta a nelle prime ore di stamattina dopo che è stata diffusa l’identità della vittima.

Sarebbe da escludere la presenza di terze persone, spiegando l’accaduto con l’immersione in mare del 28enne, incapace poi di riemergere e quindi morto nel giro di pochi attimi per probabile annegamento. Senza che nessuno, intorno, si accorgesse della disgrazia nella spiaggia vicina al luogo della sparizione. La salma del giovane, la cui identità sarà resa nota nelle prossime ore dopo il comprensibile riserbo mantenuto, sarà messa a disposizione dei familiari nelle prossime, in vista del funerale.