Variante Delta, torna l’incubo in Cina: salgono i contagi, lockdown in diverse città

Variante Delta, torna l’incubo in Cina: salgono i contagi, lockdown in diverse città

Sette nuovi casi anche a Whuan, città dalla quale partì l’epidemia lo scorso anno


MONDO – La variante Delta torna a far paura anche in Cina. Tutto è partito dall’aeroporto di Nanchino, tra i dipendenti dello scalo che stavano pulendo un aereo arrivato dalla Russia. Poi la rapida diffusione in altri quartieri. Anche a Pechino le autorità hanno imposto un nuovo lockdown per evitare la diffusione del contagio già registrato però in altre città. Tra queste proprio Wuhan, dove sono stati confermati sette nuovi casi.

L’attenzione maggiore è concentrata a Zhangjiajie, nella provincia interna dello Hunan, dove è scoppiato un focolaio a cui sono collegati i primi due casi dalla fine di gennaio registrati a Pechino la settimana scorsa, una coppia di ritorno dalla località turistica dello Hunan. Uno spettacolo teatrale ‘sospetto’ ha portato a nuove chiusure, con turisti sottoposti al tampone prima di lasciare la città: sia Zhangjiajie, che la vicina Zhuzhou, per un totale di 2.7 milioni di abitanti, sono entrate in lockdown.

La Commissione nazionale per la sanità ha confermato quattro nuovi casi – due dei quali sviluppatisi internamente – più un asintomatico. Le autorità hanno confermato la presenza della variante delta e hanno imposto il lockdown di sei complessi residenziali nel distretto nord-occidentale di Haidian, per un caso accertato. A Zhengzhou registrati oltre trenta casi di contagio: le autorità sanitarie hanno ordinato di sottoporre al tampone i dieci milioni di residenti del capoluogo dello Henan.