Abbattimenti di immobili a Casal di Principe, scattano le proteste: forze dell’ordine sul posto

Abbattimenti di immobili a Casal di Principe, scattano le proteste: forze dell’ordine sul posto

Proprio ieri il sindaco Natale aveva dato le dimissioni in segno di sdegno nei confronti della Procura, che aveva rifiutato una proroga


CASAL DI PRINCIPE – Proteste a Casal di Principe (in provincia di Caserta), in via Ancona, dove sono arrivate le ruspe inviate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per demolire un immobile abusivo dove abitano due famiglie indigenti con quattro bambini. Proprio nella giornata di ieri il sindaco di Casal di Principe, Renato Natale, si era dimesso per protesta. Le due famiglie non vogliono lasciare lo stabile e intanto le forze dell’ordine hanno sigillato la zona.

L’avviso del sindaco

Ad annunciare le imminenti dimissione era stato un post dell’assessore alla pubblica istruzione, Marisa Diana. “E’ con profonda tristezza e grande rammarico – scriveva la Diana – che vi comunico la decisione del nostro Sindaco, Renato Natale, di rassegnare le proprie dimissioni, domani 1 settembre (ieri, n.d.r.). Il proposito è scaturito dalla mancata accettazione, da parte della Procura di Santa Maria Capua Vetere, della proroga dell’abbattimento delle due case abusive, previsto per il 2 settembre, richiesta dal Sindaco e da tutto il Consiglio Comunale di Casal di Principe in data 25 agosto, per permettere il completamento dei lavori di un bene confiscato in via Baracca dove alloggiare le due famiglie con quattro bambini, dai 3 ai 7 anni.