Cerca di sfuggire all’arresto e si getta in mare ma rischia di annegare: salvato dai militari

Cerca di sfuggire all’arresto e si getta in mare ma rischia di annegare: salvato dai militari

Prima degli arresti, l’uomo è stato soccorso e portato in ospedale


TORRE ANNUNZIATA – Ha tentato la fuga dai carabinieri che lo inseguivano dopo lo ”scippo” di una borsa a una donna: si è lanciato in mare nelle acque del porto e ha nuotato finché le forze gli sono venute meno ed e’ stato ripescato dai militari della Guardia Costiera quando era al limite della resistenza, rischiando di annegare.

E’ successo a Torre Annunziata, dove un uomo, notato dai carabinieri nel momento in cui compiva lo scippo di una borsa, per evitare di essere raggiunto e arrestato dai militari, e’ fuggito attraverso le Rampe e si è tuffato dal molo di Ponente.

Ha nuotato per più di 500 metri, fino a quando non ce l’ha fatta più. Dopo due ore in acqua ha dovuto arrendersi. A salvarlo sono stati gli uomini della Capitaneria di porto, che lo avevano inseguito con una motovedetta. Zuppo e sfinito, e’ stato issato a bordo e trasportato alla banchina dove lo aspettavano i carabinieri. Prima degli arresti, pero’, lo scippatore e’ stato soccorso e portato in ospedale al Maresca di Torre del Greco.