Morte del piccolo Samuele, aperta un’inchiesta: si lavora per ricostruire la dinamica della tragedia

Morte del piccolo Samuele, aperta un’inchiesta: si lavora per ricostruire la dinamica della tragedia

Ieri interrogata la mamma che era in casa con lui in quel drammatico momento


NAPOLI – Una ringhiera sufficientemente alta, nessuna sedia o appiglio che avrebbero potuto favorirlo nell’arrampicarsi. E allora come è caduto giù? È questo il quesito a cui cercheranno di dare risposta le forze dell’ordine nelle indagini sulla morte del piccolo Samuele. Il bimbo, nato nel 2017, è caduto ieri dal balcone della sua abitazione in una traversa di via Foria: per lui, nonostante la corsa all’ospedale Vecchio Pellegrini, non c’è stato niente da fare. E adesso ci si interroga su come sia potuta avvenire questa tragedia. Quel che si sa è che la mamma era con lui in casa in quel momento. Ed è proprio a lei che si sono rivolti gli inquirenti, interrogandola su quegli attimi che le hanno di fatto stravolto la vita. Lei, incinta di 8 mesi, tra poco diventerà nuovamente mamma ma non avrà più il suo Samuele. Come è potuto accadere? Una sola domanda, che risuona nella testa di tutti gli abitanti del quartiere che hanno assistito ieri a scene terribili. Il corpo del bimbo verrà sottoposto ad autopsia. La scientifica proverà a ricostruire gli ultimi passi del piccolo, dall’interno dell’abitazione al balcone, prima del tragico epilogo.