Napoli: balli sfrenati e assembramenti, il Covid è solo un ricordo in piazzetta Orientale

Napoli: balli sfrenati e assembramenti, il Covid è solo un ricordo in piazzetta Orientale

Stretti in massa e senza mascherina; così i giovani napoletani se ne infischiano delle regole anti-Covid


NAPOLI – Anche quello appena trascorso è stato a Napoli un week end di movida selvaggia e folle. Sotto esame finisce ancora una volta Largo San Giovanni Maggiore (meglio noto come Piazzetta Orientale), nel centro storico della città, dove nonostante i gravi episodi delle ultime settimane, come quello del ragazzo arrampicatosi sulla facciata esterna dell’Università e poi precipitato, denunciato anche dal Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, si continua a far serata in modo incontrollato ed irresponsabile. Nei filmati postati su Tik Tok  si può vedere come anche questa volta un fiume umano di giovani abbia ‘inondato’ la piazza seminando scompiglio, situazioni di pericolo (tutti senza mascherina e stretti gli uni agli altri) e caos.

“Nonostante il grave episodio della scorsa settimana, nonostante le nostre denunce e le richieste di maggiori controlli e di mettere fine a tali follie, si continua a tollerare una movida selvaggia ed assolutamente fuori controllo. Si tratta non soltanto di situazioni che violano ogni protocollo anti covid, rischiando ogni sera di degenerare nuovi focolai, ma, come denunciamo, da sempre, di un problema che va anche al di là dell’emergenza sanitaria, un problema che riguarda l’ordine pubblico, la sicurezza delle persone ed il decoro della piazza. Ogni fine settimana in quest’area si aggrega un numero impressionante di ragazzi che danno vita, anche a causa del consumo eccessivo di alcolici, a serate in cui si compiono atti folli che mettono in pericolo la loro stessa incolumità ed il decoro della piazza che diventa ogni volta una gigantesca pattumiera. A questo punto chiediamo cha la piazza in questione venga dichiarata come una sorta di ‘zona rossa’ della movida e monitorata costantemente dalle forze dell’ordine che devono liberarla dalla follia, dalla violenza, dagli spacciatori che continuano ad operare impunemente. Il divertimento e la socialità per i giovani ci devono essere, noi vogliamo che ci siano, ma devono essere sicuri, devono seguire le regole e devono essere per tutti. ”-le parole del Consigliere Borrelli e del conduttore radiofonico Gianni Simioli.

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO