Napoli, positiva al Covid: Palma partorisce in coma poi muore a 28 anni

Napoli, positiva al Covid: Palma partorisce in coma poi muore a 28 anni

Lascia il marito ed altri 3 figli. Le accuse della sorella: “Inizialmente le avevano fatto il tampone, poi e le avevano detto di curarsi a casa, nonostante fosse incinta e con problemi respiratori!”


CASERTA/NAPOLI/SAN PRISCO (CE) – Lutto in Campania per un’altra giovanissima vita spezzata. Palma Reale, 28 anni è infatti deceduta per le conseguenze del Covid dopo aver partorito il suo ultimo bimbo al Secondo Policlinico di Napoli.

La donna, di San Prisco, nel casertano, era ricoverata, in coma, nel reparto di terapia intensiva. Lascia il marito e 4 figli, l’ultimo dei quali non ha fatto nemmeno in tempo a vederlo, proprio perchè era già in coma quando ha partorito.

Numerosi i messaggi di cordoglio sui social.

“Non ti conosco da vicino ma ho letto e pregato tanto che potevi combattere contro a questo maledetto corona virus
Sei andata via troppo presto hai lasciato 4 figli piccolissimi e tu solo 28 anni vegli su di loro e dai tanta forza alla tua famiglia” – si legge i uno di questi, poi ancora – “Rip palma da lassù proteggi i tuoi 4 figli”; “Buon viaggio Palma”

Questo il racconto  di Maria, la sorella della giovane,  che si era recata all’inizio all’ospedale di Caserta prima dell’aggravarsi delle condizioni di salute: “Mia sorella Palma Reale, 28 anni, di incinta 8 mesi si era recata al pronto soccorso di Caserta per dolori di pancia e difficoltà respiratorie l’ospedale di Caserta: effettua come per prassi un tampone risultato positivo. Cosa succede? Mia sorella viene mandata a casa! Le dicono di curarsi a casa, lei incinta e con problemi respiratori in atto senza fare una tac, nulla!”.