“Presenza di tracce di ossido di etilene”, addensante per dolci richiamato dal mercato

“Presenza di tracce di ossido di etilene”, addensante per dolci richiamato dal mercato

Chiunque avesse acquistato prodotti inerenti al lotto interessato è pregato di riconsegnarli o cestinarli


NAZIONALE – E’ notizia di oggi che il ministero della Salute ha pubblicato l’avviso di richiamo precauzionale di alcuni lotti di preparato addensante per dolci L’Ov a marchio Molino Rossetto per la “possibile presenza di tracce di Ossido di Etilene nell’ingrediente farina di semi di carrube”. Il prodotto in questione è venduto in astucci da 22,5 grammi, contenenti tre buste da 7,5 grammi l’una, con i numeri di lotto L21 061, L20 267, L20 181 e L20 163, e i termini minimi di conservazione (Tmc) 02/07/2022, 23/01/2022, 29/10/2021 e 11/10/2021.Il preparato richiamato è stato prodotto dall’azienda Molino Rossetto Spa nello stabilimento di via San Fausto, 98 a Pontelongo in provincia di Padova.

A scopo precauzionale, si raccomanda di non utilizzare il prodotto con i numeri di lotto e i termini minimi di conservazione segnalati e restituirlo al punto vendita d’acquisto, dove sarà rimborsato. L’ossido di etilene è di fatto un gas utilizzato per disinfettare e sterilizzare, usato ad esempio anche nelle sale operatorie degli ospedali. In passato era sfruttato anche nell’industria alimentare come battericida e antimicotico per sterilizzare quei prodotti che si sarebbero deteriorati con le alte temperature e per la decontaminazione di silos e magazzini in cui venivano conservati gli alimenti prima di essersi immessi nel mercato. In Europa questa sostanza è vietata da un po’ perché inserita nell’elenco di quelle cancerogene e tossiche. Ma questo non succede in tutti i Paesi. Proprio perché contenuta in alimenti prodotti fuori dall’Europa, sta capitando sempre più spesso di trovarla  in cibi che arrivano anche sulle nostre tavole. L’ossido di etilene è pericoloso, anche perché ad oggi non sono ancora perfettamente note le sue conseguenze, sia nel breve che nel lungo termine.

Secondo gli esperti, può provocare un largo spettro di sintomi con un’esposizione di alcuni minuti, come mal di testa e convulsioni, e addirittura ictus e coma per periodi più prolungati. Può inoltre irritare le vie respiratorie, provocando versamenti di liquidi. Un’esposizione cronica può causare problemi alla vista. In laboratorio è stato dimostrato che può favorire tumori al fegato e danni all’apparato riproduttivo, mettendo a rischio anche la fertilità e le gravidanze.

Foto di repertorio