Puzza in zona ASI, la Sapna sulle accuse allo Stir: “È tutto in regola”

Puzza in zona ASI, la Sapna sulle accuse allo Stir: “È tutto in regola”

I dipendenti della struttura avevano già sottolineato che i miasmi provenivano da altri impianti


GIUGLIANO – La Sapna, società che gestisce lo Stir all’interno della zona ASI di Giugliano, prende le distanze dalle accuse alla struttura sulla puzza di questi giorni nell’area giuglianese.

“In relazione alle notizie che pervengono a mezzo stampa circa i miasmi provenienti da alcune aree della provincia di Napoli – si legge nel comunicato – la S.A.P.NA. SpA intende esprimere la propria comprensione e vicinanza con tutti i cittadini che in questi giorni si vedono costretti a combattere per la salvaguardia ambientale e la tutela della salute della comunità invitando, pertanto, gli Enti competenti, a verificare tutti i siti ed impianti del circondario, pubblici e privati.

Gli impianti, le discariche ed i siti di stoccaggio gestiti da SAPNA, società partecipata interamente dalla Città Metropolitana di Napoli, sono soggetti a verifiche e monitoraggi costanti nel rispetto della normativa vigente in materia ambientale da parte degli Enti preposti al controllo.
Dai controlli effettuati negli ultimi giorni, gli enti preposti hanno verificato l’assenza di esalazioni odorigene e la corretta conduzione dell’impianto TMB di Giugliano.

“Il nostro impegno di garantire un servizio pubblico ai Comuni conferitori è espletato con impegno e dedizione grazie all’operato di maestranze e responsabili attivi quotidianamente” – dichiarano l’Amministratore Unico ed il Direttore Tecnico di SAPNA, prendendo le distanze da ogni tipo di strumentalizzazione in materia di gestione rifiuti, nel rispetto della storia e delle ferite, ancora aperte, di questo territorio”.

GUARDA IL VIDEO DALLO STIR