Si torna a scuola, Bianchi: “Niente mascherina se tutti vaccinati”

Si torna a scuola, Bianchi: “Niente mascherina se tutti vaccinati”

“Ieri, primo settembre, tutte le nostre 8.500 scuole hanno riaperto con il mandato di portare dal 13 settembre tutti i ragazzi in presenza e in piena sicurezza”, ha detto Bianchi


ITALIA – Se gli studenti sono vaccinati possono ritornare in classe senza mascherina. Lo ha detto il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi. “Dove  ci sono classi di vaccinati si possono togliere la mascherina e si può tornare a sorridere”, ha detto Bianchi durante la conferenza stampa a palazzo Chigi. “Le regole a scuola – ha sottolineato – sono quelle del Cts: mascherina, distanziamento e regole di igiene fondamentale”. “Qualcosa andrà sicuramente storto ma ce l’abbiamo messa tutta…”, ha detto con una battuta, il premier Mario Draghi in conferenza stampa intervenendo subito i ministri Bianchi, Gelmini, Speranza e Giovannini che hanno illustrato ai giornalisti le mosse del governo per la ripartenza in sicurezza.

“Abbiamo lavorato moltissimo secondo il mandato dato dal presidente, cioè sulle persone, sugli insegnanti, facendo i concorsi, e con neanche una sanatoria. Facendo i concorsi abbiamo messo in ruolo quest’anno 59mila insegnanti, l’anno scorso erano stati 19mila, quindi sono tre volte tanto”. È quanto sottolineato dal ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. “Di questi, abbiamo inserito 13.908 insegnanti di sostegno, l’anno scorso erano 1.778 – ha aggiunto Bianchi -. Non solo, abbiamo già attivato anche tutte le procedure che si concluderanno in settimana per le supplenze annuali. Abbiamo avviato i concorsi per l’anno prossimo in modo di concludere in due anni completamente la tematica del tempo indeterminato. E nel decreto di agosto abbiamo messo l’impegno di far partire concorsi regolari ogni anno per poter sostituire il turnover previsto fino al 2030”.

TUTTE LE SCUOLE HANNO RIAPERTO

“Ieri, primo settembre, tutte le nostre 8.500 scuole hanno riaperto con il mandato di portare dal 13 settembre tutti i ragazzi in presenza e in piena sicurezza”, ha detto Bianchi. Il conto alla rovescia per il ritorno sui banchi è cominciato. “Questa operazione – ha spiegato Bianchi – è avvenuta con un lunghissimo lavoro preparatorio che risale alla primavera, quando avevamo deciso con forza di riportare i ragazzi in presenza. Poi abbiamo fatto gli esami: 1,1 milioni di ragazzi quelli di terza media, 570mila quelli di maturità e 540mila per il diploma. E durante l’estate tutte le nostre scuole hanno lavorato”. “Abbiamo finanziato 32.500 progetti che hanno permesso di recuperare 1.650.000 ore di lezione di scuola – ha continuato il ministro dell’Istruzione – soprattutto in attività di carattere linguistico e matematico, ma anche per il ritorno del vivere assieme.”

OLTRE IL 90% DEL PERSONALE SCOLASTICO SI E’ VACCINATO

Questo ci ha permesso di arrivare a settembre con una grande voglia e una grande partecipazione di tutti, espressa da due dati: il 91,5% del personale si è vaccinato e i ragazzi aumentano giorno dopo giorno sempre di più, soprattutto quelli fra i 16 e i 19 anni. Il commissario Figliuolo farà un’operazione di screening fra i 6 e i 14 anni, in modo da garantire anche i ragazzi più piccoli».