Tragedia in Campania: non sopporta la morte del figlio e si toglie la vita lanciandosi nel vuoto

Tragedia in Campania: non sopporta la morte del figlio e si toglie la vita lanciandosi nel vuoto

Secondo le ricostruzioni, poco prima la donna aveva già tentato un altro gesto estremo, fallendo


SALERNO – La tragica notizia vede sfortunata protagonista una donna di Pagani, originaria del Napoletano, che ieri è giunta nei pressi del cimitero comunale per poi lanciarsi nel vuoto finendo sui binari della ferrovia sottostante. Il gesto estremo sarebbe stato commesso intorno alle 9, ma poco prima – secondo testimoni – aveva già tentato di schiantarsi contro l’ingresso del camposanto con la sua auto. Il tentativo era fallito in quanto gli airbag si erano attivati, attutendo di molto il colpo.

La donna, 64enne, a quel punto, era salita sulla parte più alta del ponte, che sormonta l’area cimiteriale per lanciarsi nel vuoto. Stando alle prime notizie apprese dal Mattino, dietro il gesto estremo della donna potrebbe esserci il dolore mai superato per la scomparsa del figlio, avvenuto diversi anni fa, in un incidente stradale. Sul posto sono giunti inutilmente i soccorsi, con le telefonate dei testimoni presenti sul luogo e le persone che avevano notato il corpo riverso tra le pietre della donna, con l’autovettura all’esterno del cimitero comunaleferma, a ridosso di un muro. Per più giorni, la vittima dal napoletano raggiungeva il cimitero per fare visita alla tomba del figlio. Proprio il dolore per quella drammatica perdita l’avrebbe spinta all’estrema decisione di togliersi la vita.