Aereo precipita sopra una palazzina nel Milanese: l’ultimo messaggio della torre di controllo

Aereo precipita sopra una palazzina nel Milanese: l’ultimo messaggio della torre di controllo

Ieri è stata recuperata la scatola nera e secondo i tracciati preliminari sembrerebbe che un problema sia stato registrato 16 secondi prima dell’incidente


MILANO – L’aereo monoplano Pilatus Pc-12 era appena decollato dall’aeroporto di Milano Linate quando è  precipitato e si è schiantato contro un edificio tra Milano e San Donato Milanese. In totale le vittime sono 8, tutte morte a causa dell’impatto. Ieri è stata recuperata la scatola nera e secondo i tracciati preliminari sembrerebbe che un problema sia stato registrato 16 secondi prima dell’incidente. L’aereo infatti ha iniziato perdere quota alle 13:07:40 e l’ultimo segnale lo si ha alle 13:07:56.

In questi sedici secondi, il pilota Dan Petrescu, avrebbe cercato di risalire. Gli uomini della sala radar si sono accorti che, pochi minuti dopo la partenza da Linate, il Pilatus precipitato ieri stava virando verso destra in modo anomalo invece di procedere verso sud e hanno ricevuto una comunicazione dal pilota, il quale pronunciò una frase del tipo “little deviation (piccola deviazione, ndr)”, ma senza il motivo o allarmi specifici. Poco dopo avrebbe chiesto un “vettore”, ossia uno spazio per rientrare verso l’aeroporto. Dopo meno di un minuto la traccia è sparita dal radar perché l’aereo ha iniziato a scendere in picchiata. Lo ha appreso l’ANSA da fonti qualificate. Il mezzo infatti, prima dell’impatto, avrebbe registrato la sua velocità più alta. Il centro di controllo d’area di Linate, come riportato dal quotidiano “Il Corriere della Sera”, aveva chiesto il motivo della deviazione: “Perché avete deviato? Per evitare una turbolenza?” e il pilota avrebbe risposto di “no”. In questi sedici secondi prima dell’incidente, il pilota non ha lanciato nessun allarme né ha chiesto di rientrare in aeroporto. L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ha deciso di aprire un’inchiesta.

L’aereo era arrivato a Milano da Bucarest ed era diretto a Olbia. Subito dopo lo schianto, l’aeroporto di Linate ha sospeso i decolli e gli atterraggi per dieci minuti. In queste ore si susseguono diverse ipotesi: l’anomalia al motore, rafforzata da coloro che dicono di aver visto l’aereo prendere fuoco, e che potrebbe aver causato uno stallo all’aereo. Tra le cause anche la possibilità che il pilota possa avere avuto un malore o un “disorientamento spaziale”.