Antonio Natale ucciso a Caivano, preoccupazione per suo zio e suo nipote: sono spariti anche loro

Antonio Natale ucciso a Caivano, preoccupazione per suo zio e suo nipote: sono spariti anche loro

L’ultimo avvistamento dei due risale al 4 ottobre, quando erano con Antonio e col suo amico Domenico


CAIVANO – Antonio Natale è stato riconosciuto nel cadavere trovato nel cadavere ritrovato pochi giorni fa in un campo rom a Caivano, restava da capire il modo in cui è deceduto ma per gli inquirenti non ci sono dubbi, Antonio è stato prima pestato a sangue e poi ucciso con diversi proiettili alla nuca. Quella mattina del 4 ottobre era già stato pestato, tornò infatti a casa con il viso gonfio e gli occhi lividi.

Zio e nipote di Antonio Natale sono spariti

L’ultimo avvistamento dei due risale al 4 ottobre, quando erano con Antonio e col suo amico Domenico, fratello di un altro ventenne ritenuto dagli inquirenti gerente di una lucrosa piazza di spaccio. Da allora sono spariti dalla circolazione. Antonio è stato probabilmente attirato in un tranello da qualcuno di cui si fidava. Le voci, sempre più insistenti, al Parco Verde, parlano di una ingente quantità di denaro (80mila euro) sparita dalla cassa delle piazze di spaccio quale movente. Il giovane era stato anche pesantemente pestato tre giorni prima della sua scomparsa.