Bacoli, anche lastre di amianto tra i rifiuti abbandonati: sequestrata l’area dell’ex lido ‘Piranha’

Bacoli, anche lastre di amianto tra i rifiuti abbandonati: sequestrata l’area dell’ex lido ‘Piranha’

L’intervento messo in atto dalla Guardia di Finanza di Napoli


BACOLI – La Guardia di finanza di Napoli ha posto sotto sequestro l’area ex “Piranha” sulla spiaggia di Miseno. Il provvedimento delle Fiamme Gialle è stato messo in atto per motivi relativi alla sicurezza ambientale. Nella zona, infatti, erano stati depositati rifiuti di ogni genere, tra cui scarti di lavorazioni edili e soprattutto lastre di amianto. Un tempo frequentato lido balneare, il ‘Piranha’ ha conosciuto il suo declino soprattutto quando, nel 2006, venne messo in atto l’abbattimento di una struttura abusiva adibita a ristorante. In città, per l’accaduto, monta la polemica. L’Associazione ‘Il Pappice’, infatti, ha attaccato senza mezzi termini il sindaco Josi Della Ragione:
“Come è stato possibile – dicono i rappresentanti – che il Comune abbia finora permesso l’accesso a quest’area così insicura e che abbia destinato a deposito sportivo, quindi frequentato, un’area limitrofa?”. Ai posteri l’ardua sentenza.