Controlli della movida a Napoli: non verificano il possesso del greenpass, sanzionati 5 locali

Controlli della movida a Napoli: non verificano il possesso del greenpass, sanzionati 5 locali

Denunciato anche titolare di nota pizzeria per aver dato “lavoro nero” a due soggetti


NAPOLI, VOMERO E CHIAIANO – Sanzioni per greenpass e denunce per lavoro “in nero”. Movida sotto la lente dei Carabinieri
Controllo del territorio anche nei quartieri di Vomero e Chiaiano, dove i carabinieri della locale compagnia hanno setacciato le zone più frequentate. 141 le persone identificate, 23 i veicoli controllati.

Ancora metal detector davanti alle stazioni della metro per disarmare i giovani che affollano la movida: 2 quelli denunciati per porto abusivo di coltello. Uno dei due nascondeva un pugnale a farfalla nella manica della camicia, pronto all’uso. 4 i parcheggiatori abusivi denunciati.

L’attenzione dei Carabinieri è stata massima per il rispetto della normativa anti-contagio. Per 5 locali è scattata la sanzione per aver venduto bevande alcoliche dopo le 22 e per non aver verificato il green pass ai clienti. Grazie alla preziosa collaborazione dei militari del NAS di Napoli, sono state sospese 3 attività commerciali, in attesa di provvedimenti prefettizi. Si tratta del titolare di una pizzeria di Chiaiano, denunciato per aver dato lavoro “in nero” a 2 persone. Stessa questione per una pizzeria di Marianella: 3 i lavoratori “in nero”. Al Vomero, invece, il titolare di un pub è stato sorpreso con 2,4 grammi di marijuana. Anche lui risponderà penalmente per aver dato lavoro a 2 persone senza alcun contratto. 18 i giovani sorpresi con sostanze stupefacenti per uso personale.