Coronavirus in Italia: 4.878 nuovi casi, altri 37 decessi registrati

Coronavirus in Italia: 4.878 nuovi casi, altri 37 decessi registrati

In totale il 24% dei casi è stato diagnosticato tra gli under 20. I dati di tutte le regioni


NAZIONALE – Nelle ultime 24 ore in Italia si registrano 4.878 nuovi casi di coronavirus e 37 morti, per un totale di per un totale di 132.074 da inizio epidemia. Ieri i nuovi contagi in Italia erano stati 5.335 e 33 le vittime. Sono i dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute sulla diffusione del covid 19 in Italia. I tamponi eseguiti sono stati 477.352 (tremila più di ieri), con un indice di positività all’1%.

In calo le terapie intensive, 3 in meno (ieri +2) con 20 ingressi del giorno, e scendono a 346, mentre i ricoveri ordinari sono 49 in più (come ieri), e arrivano a 2.707.

Nell’ultima settimana, spiega l’Iss, l’incidenza è aumentata in tutte le fasce d’età ma in particolare sotto i 12 anni: i bambini non sono ancora vaccinabili. In totale il 24% dei casi è stato diagnosticato tra gli under 20. Nella fascia in età scolare il 47% dei casi è stato diagnosticato fra i 6 e gli 11 anni, il 33% nella fascia 12-19 anni e solo il 13% e il 7% è stato diagnosticato, rispettivamente tra i 3 e i 5 anni e sotto i 3 anni. Fra l’11 e il 24 ottobre 10.333 nuovi casi, 84 ospedalizzati, un ricoverato in intensiva e nessun deceduto. Rimane “elevata l’efficacia vaccinale nel prevenire l’ospedalizzazione (92%), il ricovero in terapia intensiva (95%) o il decesso (91%) nella fase epidemica con variante delta prevalente”, riporta ancora l’Istituto Superiore di Sanità nel report esteso aggiornato sul Covid pubblicato oggi

VALLE D’AOSTA

Nelle ultime 24 ore in Valle d’Aosta sono stati rilevati 6 nuovi casi positivi al Covid-19. Due i guariti.
I contagiati attuali sono 74, di cui quattro ricoverati all’ospedale Parini, nessuno dei quali in terapia intensiva. E’ quanto si legge nel bollettino della Regione Valle d’Aosta. Sono 474 le vittime dall’inizio della pandemia nella regione alpina.

ALTO ADIGE

In Alto Adige sono 168 i nuovi casi di Covid-19 accertati nella giornata di ieri su 1.133 tamponi molecolari esaminati. Il contagio nelle vallate della provincia di Bolzano da circa una settimana è in netta crescita anche perchè resta bassa la percentuale di persone vaccinate e non sempre le misure anti contagio vengono rispettate. Nei giorni scorsi al palaghiaccio di Brunico per assistere ad una partita di hockey dei 1800 spettatori presenti, solo una minima parte indossava la prevista mascherina. Il bollettino sanitario odierno registra un nuovo decesso che fa salire a 1.202 le vittime totali dall’11 marzo 2020, data del primo decesso in Alto Adige collegato al coronavirus. Stabile il numero dei pazienti covid ricoverati in ospedale: 45 si trovano nei normali reparti e 4 in terapia intensiva. Su 246.938 persone sottoposte a tampone molecolare, 80.946 sono risultate positive. I guariti totali sono 78.597.

VENETO

Sono 532 i nuovi contagi Covid registrati in Veneto nelle ultime 24 ore, per un totale dall’inizio dell’epidemia che sale a 480.072. Vi sono anche quattro decessi, che aggiornano a 11.827 il numero delle vittime. Lo riferisce il bollettino della Regione. Il report segnala anche un l’incremento degli attuali positivi,  10.403 (+188),. Cresce di poco il dato dei ricoveri ospedalieri: sono 208 (+1) i posti occupati nelle aree non critiche, e 37 (+1), i pazienti nelle terapie intensive.

PIEMONTE

Sono 192 le persone ricoverate per Coronavirus in Piemonte, 19 dei quali in terapia intensiva, lo stesso numero di ieri, mentre nei reparti ordinari sono 173 (-4). Lo rende noto l’Unità di crisi regionale, che nel consueto bollettino giornaliero segnala anche 281 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 e un decesso, ma non relativo alle ultime 24 ore. Dei 281 nuovi casi, lo 0,5% dei 58.471 tamponi eseguiti, gli asintomatici sono 171 (60,9%). I guariti sono 159. Le persone in isolamento domiciliare sono 3.985. Gli attualmente positivi 4.177. Dall’inizio della pandemia, dunque, il Piemonte ha registrato 388.802 positivi, 11.812 decessi e 372.813 guariti.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 23.036 test e tamponi sono state riscontrate 249 nuove positività al Covid 19, pari all’1,08%. Nel dettaglio, su 5.476 tamponi molecolari sono stati rilevati 224 nuovi contagi con una percentuale di positività del 4,09%; su 17.560 test rapidi antigenici 25 casi (0,14%). Oggi si registrano tre decessi (uno a Udine, uno a Trieste e uno a Pordenone); sono 12 (-1) le persone ricoverate in terapia intensiva mentre ammontano a 63 (+2) i pazienti ospedalizzati in altri reparti. Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente sono 3.856: 846 a Trieste, 2.030 a Udine, 683 a Pordenone e 297 a Gorizia. I totalmente guariti sono 111.057, i clinicamente guariti 41 e 1.906 le persone in isolamento. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 116.935 persone: 24.756 a Trieste, 53.238 a Udine, 23.280 a Pordenone, 14.031 a Gorizia e 1.630 da fuori regione.

LIGURIA

Continua a crescere il numero dei positivi al covid in Liguria. I contagiati sono 2335, 51 in più rispetto a ieri. Crescono anche gli ospedalizzati: sono 72, 5 in più rispetto alle 24 ore precedenti. Tra i ricoverati 10 sono in terapia intensiva (tra questi ce ne è uno in età pediatrica), come ieri. I nuovi positivi sono 111, emersi da 2621 tamponi molecolari e 10797 test rapidi. Il tasso di positività è 0,82%. I contagiati delle ultime 24 ore sono 27 nel Savonese, 26 nello Spezzino, 19 nell’Imperiese, 18 nell’area di genova, 14 nel Tigullio e 7 non sono residenti in regione. I guariti sono 60. Non ci sono stati decessi: il numero dei morti da inizio pandemia è 4426. In isolamento domiciliare ci sono 1055 persone, 67 più di ieri e in sorveglianza attiva ce ne sono 1737, erano 1870. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 3.916 vaccini. Dal 26 ottobre ad oggi è la prima volta che le vaccinazioni scendo sotto quota 4000 al giorno

EMILIA-ROMAGNA

Ricoveri in lieve aumento di pazienti Covid-19 e nuovi casi di infezione ancora sopra 400, altre cinque vittime per un totale da inizio pandemia di 13.592. È quanto emerge dal bollettino quotidiano della Regione Emilia-Romagna sul coronavirus. I nuovi contagi sono 409 su oltre 27.800 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Sul territorio in testa Bologna con 87 casi più altri 28 del circondario Imolese, poi Modena (71), Reggio Emilia (40), Cesena (36) e Rimini (31). Purtroppo, si registrano cinque decessi: uno in provincia di Piacenza (una donna di 96 anni); uno in provincia di Reggio Emilia (un uomo di 77 anni); due in provincia di Bologna (entrambi uomini, rispettivamente di 88 e 92 anni); e uno nella provincia di Forlì-Cesena (un uomo di 90 anni). I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 31 (-1 rispetto a ieri), 291 quelli negli altri reparti Covid (+9). I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 7.395 (-287), di cui il 95,6% in isolamento a casa.

TOSCANA

Altri 287 nuovi positivi (età media 41 anni) e altri 2 morti (età media 77 anni) per Covid in Toscana nelle 24 ore secondo l’aggiornamento della Regione. Le nuove vittime sono di Pisa e di Siena. Il totale dei morti va a 7.277 persone. Coi nuovi casi invece sale a 289.252 il totale dei positivi dall’inizio della pandemia (+0,1% sul totale del giorno precedente). I guariti crescono del +0,1% e raggiungono quota 276.406: sono stati 206, per tampone di controllo negativo, nelle 24 ore. Gli attualmente positivi sono oggi 5.569 (+1,4% su ieri). Tra loro i ricoverati sono 269 (+11 persone su ieri, pari al +4,3%) di cui 25 in terapia intensiva (-2 persone, pari al -7,4%). Altre 5.300 persone positive sono in isolamento a casa “poiché – afferma la Regione – presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi” (+68 su ieri pari al +1,3%). Ci sono infine 15.933 persone in quarantena domiciliare (+232 su ieri, +1,5%) anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate.

UMBRIA

Ricoverati Covid stabili in Umbria, 41, dove nell’ultimo giorno scendono a sei da sette i posti occupati in terapia intensiva secondo i dati sul sito della Regione.
Nell’ultimo giorno non sono stati registrati altri morti. I nuovi casi di positività sono stati invece 79 e 35 i guariti, con gli attualmente positivi ora a 1.118, 44 in più.
Sono stati analizzati 1.709 tamponi e 5.775 test antigenici, con un tasso di positività sul totale pari all’uno per cento (0,74 per cento venerdì). Per quanto riguarda i dati nelle scuole aggiornati dalla Regione al 29 ottobre risultano 44 alunni positivi rispetto ai 43 del 26 ottobre mentre rimangono otto i casi di positività tra il personale. Scendono invece a 27 da 33 le classi in isolamento e a 580 da 710 i contatti stretti in quarantena. Salgono invece a 21 da 12 i cluster individuati.

LAZIO

Ad oggi nel Lazio sono 9.373 gli attuali casi positivi al Covid-19, di questi sono 8.948 in isolamento domiciliare. Mentre 425 persone sono ricoverate, 49 delle quali sono in terapia intensiva. Infine, 8.794 persone sono decedute e 376.451 guarite. In totale sono stati esaminati 394.618 casi. Lo riporta il bollettino della Regione Lazio.

MARCHE

Nelle ultime 24 ore sono stati individuati nelle Marche 128 muovi casi di ‘Covid-19’, il 6,9% rispetto ai 1.850 tamponi processati; il tasso di incidenza cumulativo su 100 mila abitanti continua a salire ed ora è a 47,42 (ieri era a 44,09). Lo si apprende dal bollettino quotidiano del Servizio sanitario regionale.  Sono 69 i pazienti assistiti nei reparti ospedalieri, 4 più di ieri, e 2 (-3) nei pronto soccorso in attesa di essere trasferiti nei reparti. Nelle terapie intensive ci sono 19 pazienti (+1). Nei reparti non intensivi sono in 32: (-2). Sono state registrate due vittime: una 96enne di Castelbellino (Ancona) e una 88enne di Fermo, entrambe anche con altre patologie. Il bilancio dall’inizio della crisi pandemica è ora di 3.107 morti.

 

ABRUZZO
Sono 83 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Sono emersi dall’analisi di 2.667 tamponi molecolari: è risultato positivo il 3,11% dei campioni. Si registra un decesso recente: si tratta di una 91enne del Teramano. Il bilancio delle vittime sale a 2.560. A fronte di una riduzione dei ricoveri complessivi, continuano ad aumentare quelli in terapia intensiva. Scende, però, l’incidenza settimanale dei contagi, che torna sotto quota 50 e arriva a 48. I nuovi positivi hanno età compresa tra 2 e 93 anni. Gli attualmente positivi sono 1.833 /+54): 57 pazienti sono ricoverati in area medica (-7) e 11 in terapia intensiva (+1), mentre gli altri 1.765 sono in isolamento domiciliare (+60). I guariti sono 78.503 (+28).
L’incremento più consistente si registra nel Teramano (29), seguito dal Chietino (22), dall’Aquilano (19) e dal Pescarese (13).

MOLISE
CAMPANIA
Sono 629 i nuovi casi di Covid 19 in Campania nelle ultime 24 ore, su 22.926 test molecolari e antigenici. Una sola persona è deceduta. Dei 656 posti letto di terapia intensiva disponibili, ne sono occupati 20; dei 3.160 posti letto di degenza disponibili, compresi quelli da privati, ne sono occupati 248.

BASILICATA
Diciassette dei 669 tamponi esaminati in Basilicata nelle ultime 24 ore sono risultati positivi: lo ha reso noto la task force regionale, aggiungendo che sono state registrate 13 nuove guarigioni. Sono 22 le persone ricoverate negli ospedali ma nessuna di loro è in terapia intensiva: non vi sono stati decessi. Le persone in isolamento domiciliare sono 808. Ieri sono state effettuate 886 vaccinazioni: i lucani che hanno ricevuto la prima dose sono 432.347 (78,1 per cento), mentre quelli che hanno avuto anche la seconda sono 392.697 (71 per cento. Il numero di terze dosi somministrate è pari a 6.690.

SARDEGNA

In Sardegna nelle ultime 24 ore si registrano 44 casi confermati di positività al Covid, sulla base di 1887 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 6949 test per un tasso di positività dello 0,6%. Non si registrano decessi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 5 (stesso numero di ieri), quelli ricoverati in area medica sono 39 (- 3); 1277 sono i casi di isolamento domiciliare (3 in più rispetto a ieri).

FONTE: REPUBBLICA.IT