Giuseppe e Tullio uccisi perché scambiati per ladri, l’allenatore di Fusella: “Era una perla di ragazzo”

Giuseppe e Tullio uccisi perché scambiati per ladri, l’allenatore di Fusella: “Era una perla di ragazzo”

A far esplodere i colpi d’arma da fuoco contro i due Vincenzo Palumbo, 53 anni, che poco tempo fa aveva subito un furto d’auto


ERCOLANO – Due studenti incensurati di 26 e 27 sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco ad Ercolano, in provincia di Napoli. Il fatto è avvenuto in via Marsiglia. A sparare, secondo quanto si è appreso sarebbe stato il proprietario di una abitazione alla periferia di Ercolano. L’uomo, pare vittima in passato di furti, ha esploso diversi colpi con una pistola detenuta legalmente. La sua posizione è adesso al vaglio degli inquirenti.

La vicenda

Secondo una prima ricostruzione i due giovani erano in una autovettura intorno all’una di notte quando sono stati raggiunti da diversi colpi d’arma da fuoco. Si erano recati ad un campo di calcetto che si trova poco lontano dal luogo della tragedia. Poi sulla strada del ritorno si sarebbero fermati a scambiare due chiacchiere in auto.

Si chiamavano Giuseppe Fusella, 26 anni, e Tullio Pagliaro, 27 anni, i due giovani uccisi la scorsa notte in via Marsiglia. A quanto si apprende, i due erano di Portici. Chi ha aperto il fuoco e’ Vincenzo Palumbo 53 anni un autotrasportatore. Vive in una villetta in via Marsiglia con moglie e una figlia. A quanto si apprende l’ uomo ha esploso colpi con un’arma legalmente detenuta. Palumbo ha subito un furto di una autovettura a settembre di quest’anno. Le salme dei due giovani sono al Secondo policlinico di Napoli.

Le parole dell’allenatore di Fusella

“Giuseppe veniva spesso qui ad allenarsi. L’ ultima volta che l’ho visto è stata mercoledì. Questa era un po’ la sua seconda casa, veniva 4-5 volte a settimana, era uno studente di scienze motorie. Un ragazzo che ti faceva stare tranquillo, un salutista: non fumava, non beveva, una perla di ragazzo”. Queste le parole di Gianluca Giordano, allenatore di Giuseppe Fusella, che frequentava la palestra Active Fitness di Portici, durante un’intervista a Quarto Grado su Rete 4.