Inchiesta sugli appalti truccati a Salerno: tra gli indagati anche il sindaco Vincenzo Napoli

Inchiesta sugli appalti truccati a Salerno: tra gli indagati anche il sindaco Vincenzo Napoli

I fatti riguardano la precedente amministrazione: coinvolti titolari di cooperative e diversi rappresentanti del Comune


SALERNO – C’è anche il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli tra gli indagati nell’inchiesta della Procura di Salerno sui presunti appalti truccati che coinvolgono la precedente amministrazione comunale, guidata proprio da Napoli, e cooperative che avevano in gestione i servizi di manutenzione ordinaria e conservativa della città.

Per il momento l’inchiesta, condotta dalla Squadra Mobile di Salerno e dalla locale Procura della Repubblica e iniziata ormai oltre 2 anni faCoi, ha portato a dieci ordinanze di custodia cautelare ed un totale di 29 persone indagate. Ai domiciliari anche Luca Caselli, dirigente del settore ambiente del Comune di Salerno. In carcere, invece, Fiorenzo Zoccola, presidente di una cooperativa sociale e gestore di altre che avevano in gestione la manutenzione ordinaria e conservativa del patrimonio del Comune di Salerno. Per altri 7 imprenditori, tutti titolari di cooperative, disposto il divieto di dimora nello stesso Comune di Salerno. Per gli indagati le accuse sono, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti inerenti l’aggiudicazione dei predetti appalti.

Vincenzo Napoli è stato appena rieletto sindaco alle ultime amministrative ottenendo quasi il 60% delle preferenze al primo turno. I fatti a lui contestati si riferiscono però alla precedente amministrazione comunale.