Riduzione Iva sugli assorbenti, il governo ragiona di passare al 4% per la prossima legge di bilancio

Riduzione Iva sugli assorbenti, il governo ragiona di passare al 4% per la prossima legge di bilancio

Attualmente il valore è fissato al 22%


NAZIONALE – Per la prossima legge di bilancio il governo studia un taglio della “tampon tax”, cioè l’Iva sugli assorbenti, che attualmente è al 22%, ma potrebbe scendere al 4%, come già accade soltanto per i prodotti biodegradabili.

Viene chiamata convenzionalmente “tampon tax”, ma non è una tassa vera e propria: al massimo, è un’extra tassa perché per i beni di prima necessità, come molti prodotti alimentari, l’aliquota è fissata al 4% e per una altra ampia serie di prodotti sono previste aliquote agevolate al 5 e 10%. Da qui la richiesta avanzata a più riprese in sede parlamentare di un ritocco al ribasso, a cui però le maggioranze di governo si sono sempre opposte, parlando di costi eccessivi per coprire la misura.

A rendere ancora più delicata la posizione italiana è il confronto con gli altri partner europei. Il caso più virtuoso, come riportato da La Repubblica, è quello dell’Irlanda, che nel 2006 – prima che Bruxelles fissasse regole più definite sulla materia – ha scelto addirittura di azzerare l’imposta. Restano su livelli minimi anche Francia (5,5%), Portogallo e Paesi Bassi (6%). Caso a parte per il Regno Unito, dove l’aliquota era al 5% fino allo scorso anno e da gennaio è stata portata a zero.

Il governo però potrebbe far calare l’Iva verso aliquote più basse e sembra che l’esecutivo stia valutando proprio questa strada: secondo le stime del Mef, per portare l’aliquota dal 22% al 5%, servirebbero 300 milioni di euro.