Rissa sull’aliscafo Procida-Napoli, Sal Da Vinci indagato: “Io vittima, non aggressore”

Rissa sull’aliscafo Procida-Napoli, Sal Da Vinci indagato: “Io vittima, non aggressore”

“Con questo non giustifico mio figlio che, in qualche modo, essendo giovane ha reagito all’aggressione, e neanche la violenza”, ha dichiarato Sal Da Vinci


NAPOLI\PROCIDA – In riferimento alle notizie sulla conclusione delle indagini preliminari con l’ipotesi del reato di rissa aggravata su un aliscafo nei confronti del cantautore Sal Da Vinci, il figlio e la moglie, e di Fatima Trotta, l’artista napoletano – come riportato da Il Mattino – “Trovo assurdo che mi si contesti la rissa e l’interruzione di pubblico servizio. Io sono intervenuto unicamente a difesa di Fatima, che è stata inizialmente vittima di una violenza verbale ingiustificata per un motivo futile, richiamando il signor Giacchetti (la controparte nel procedimento, ndr) ad un linguaggio più appropriato nei riguardi di una donna. Lui, senza pensarci un attimo, mi ha sferrato un pugno sulla mandibola per il solo motivo di avergli detto che si deve portar rispetto alle donne. A quel punto ho schivato un secondo pugno, che ha colpito mio figlio, il quale in modo istintivo si è difeso”.

“Con questo non giustifico mio figlio che, in qualche modo, essendo giovane ha reagito all’aggressione, e neanche la violenza – prosegue Sal Da Vinci – non vi é assolutamente un’interruzione del pubblico servizio e questo lo dimostreremo al pm quando avrò il piacere di essere ascoltato. Ho immensa fiducia nella giustizia, che sono certo saprà distinguere le posizioni senza accomunarci indistintamente in una rissa, che è consistita in un’aggressione unilaterale di cui siamo stati vittime: chiederò di essere sentito dal pm, producendo un filmato e indicando i testimoni. Le nostre lesioni sono ampiamente documentate e repertate, al contrario di quelle di Giacchetti che si basano sostanzialmente, così come le parole che gli avremmo proferito, solo su ciò che lui asserisce”.