Sant’Antimo, baby-gang in azione anziano ferito a sassate

Sant’Antimo, baby-gang in azione anziano ferito a sassate

Poco dopo sul posto sono arrivati i carabinieri che sono sulle tracce di responsabili


SANT’ANTIMO – Anziano aggredito da un gruppo di giovani. I fatti, come raccontato in un post sul profilo Facebook dall’ex consigliere comunale Giuseppe Italia, sono avvenuti nella serata di ieri verso le 20.00. Un gruppo di ragazzi ha bussato alla porta dell’abitazione, in via Svizzera, dell’anziano.

L’uomo ha aperto e, preso di sprovvista, gli hanno lanciato una pietra in pieno volto, ferendolo alla fronte. A causa della forte botta, era molto frastornato.  Poco dopo sul posto sono arrivati i carabinieri che sono sulle tracce di responsabili, i militari stanno acquisendo  le immagini di tutte le telecamere private presenti in zona. L’ex consigliere comunale nel suo post lancia un appello: ” Se qualcuno sa chi è stato, è il momento di parlare. Se quegli adolescenti hanno capito di aver sbagliato, è il momento di assumere le proprie responsabilità. Se i genitori di questi irresponsabili si sono resi conto del fallimento umano che hanno prodotto, è l’ora giusta per intervenire, assicurarli alla giustizia e rendere loro la più grande lezione che possano inviare oggi, per non diventare dei criminali domani. Per certe azioni non sono previste scusanti, apologie, attenuanti, solo fervidissima condanna da parte di tutta la comunità. Usare violenza gratuita contro un anziano è come usarla su un bambino, se non vi rendete conto di ciò che avete fatto, non siete umani. Quando ben presto verranno identificate si aprirà un procedimento penale a loro carico, il mio studio legale offrirà la difesa alla vittima e non solo insisteremo per una pesante condanna, ma proseguiremo fino al risarcimento dei danni in sede civile.”

POST DELL’EX CONSIGLIERE

“Ieri sera, verso le ore 20.00, un branco di adolescente cattiveria, ha bussato alla porta di un’abitazione in via Svizzera e quando l’anziano abitante ha aperto gli hanno scagliato contro una pietra, che l’ha colpito al volto, ferendolo a sangue alla fronte. L’anziano, frastornato, ci ha messo un po’ a riprendersi, mentre la cattiveria è andata via sghignazzando. Poco dopo sul luogo sono arrivati i carabinieri, sono iniziate quindi le indagini sui responsabili e verranno controllate tutte le telecamere private presenti in zona. Se qualcuno sa chi è stato, è il momento di parlare. Se quegli adolescenti hanno capito di aver sbagliato, è il momento di assumere le proprie responsabilità. Se i genitori di questi irresponsabili si sono resi conto del fallimento umano che hanno prodotto, è l’ora giusta per intervenire, assicurarli alla giustizia e rendere loro la più grande lezione che possano inviare oggi, per non diventare dei criminali domani. Per certe azioni non sono previste scusanti, apologie, attenuanti, solo fervidissima condanna da parte di tutta la comunità.Usare violenza gratuita contro un anziano è come usarla su un bambino, se non vi rendete conto di ciò che avete fatto, non siete umani. Quando ben presto verranno identificate si aprirà un procedimento penale a loro carico, il mio studio legale offrirà la difesa alla vittima e non solo insisteremo per una pesante condanna, ma proseguiremo fino al risarcimento dei danni in sede civile.”