‘Tari’ non pagata a Bacoli, parte la diffida del Comune: a rischio chiusura 5 attività di ristorazione

‘Tari’ non pagata a Bacoli, parte la diffida del Comune: a rischio chiusura 5 attività di ristorazione

Duro il sindaco Della Ragione: “Situazione intollerabile, non faremo sconti a nessuno”


BACOLI – Tari non pagata da anni da parte di alcune attività di ristorazione di Bacoli. Ora il rischio chiusura è concreto. Si tratta di ristoranti, bar e pub del territorio che hanno creato un buco nelle casse comunali di oltre 180mila euro. Tra questi, alcuni titolari e gestori avrebbero ‘dimenticato’ di corrispondere la tassa per i rifiuti addirittura dal 2017. Ecco, dunque, che l’amministrazione comunale ha fatto partire le diffide ad adempiere che, qualora non fossero seguite dai dovuti pagamenti, spalancherebbero le porte allo stop e alla chiusura dell’attività morosa.

“C’è chi da solo – ha detto il sindaco Josi Gerardo Della Ragione – deve al popolo bacolese somme pari a 56mila euro. È inaccettabile. Sono soldi sottratti a lavori pubblici essenziali per una città ridotta in dissesto che noi abbiamo il dovere di difendere. Esorto chi non paga a venire in Municipio perché c’è la possibilità di rateizzare il debito, ma non possiamo più permettere che a Bacoli esistano imprenditori che fanno sacrifici pur di essere in regola con i tributi ed altri che pensano di farla franca”.