Tragico parto trigemellare, nessun colpevole per la morte di Francesca e di due bambini: assolti i medici

Tragico parto trigemellare, nessun colpevole per la morte di Francesca e di due bambini: assolti i medici

Uno dei tre, un maschietto, era già morto quando fu partorito ma nessuno se ne sarebbe accorto: la presenza del feto morto e quindi in decomposizione provocò una setticemia fatale per la giovane mamma 29enne


CAMPANIA – La tragedia era avvenuta nel 2014 nella clinica ‘Pineta Grande’ di Castel Volturno, nel Casertano. 14 medici, di cui 9 dell’ospedale di Giugliano in Campania, erano stati imputati per la morte di Francesca Oliva e di due dei tre gemelli che la donna aveva messo al mondo, a distanza di 7 anni è arrivata ieri la decisione da parte del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere: tutti gli indagati sono stati assolti per ‘non aver commesso il fatto’.

Inizialmente la maggior parte dei medici erano stati accusati di omicidio colposo plurimo per cui era stata richiesta una pena dai 2 ai 4 anni, ma oggi per i giudici nessuno di loro può essere ritenuto responsabile per la morte di Francesca e quindi è scattata la piena assoluzione. La tragedia è iniziata quando la giovane si era sottoposta ad un intervento di cerchiaggio dell’ utero all’ospedale di Giugliano dal suo ginecologo di fiducia.

Pochi giorni dopo l’intervento le sue condizioni si aggravarono e fu per questo ricoverata alla clinica Pineta Grande, dove mise al mondo i tre gemelli. Uno dei tre, un maschietto, era già morto ma nessuno se ne sarebbe accorto: la presenza del feto morto e quindi in decomposizione provocò una setticemia fatale per la giovane mamma 29enne. Una delle altre due bambine morì a poche ore dalla nascita, l’ ultima invece è sopravvissuta dopo un lungo periodo nel reparto di terapia intensiva neonatale.