Travolta dopo uno scippo a Napoli, morta dopo 2 giorni: identificato e fermato il responsabile

Travolta dopo uno scippo a Napoli, morta dopo 2 giorni: identificato e fermato il responsabile

La polizia è arrivata all’uomo dopo aver analizzato i filmati delle telecamere di sorveglianza


NAPOLI – Lo scorso 21 ottobre, in via Porta di Posillipo, un uomo a bordo di uno scooter aveva tentato di scippare la borsa ad una donna in compagnia dell’anziana madre che era rovinata al suolo mentre il mezzo si dava alla fuga; la malcapitata era stata trasportata presso l’ospedale Fatebenefratelli dove, poche ore dopo, era stata dimessa.

Nei giorni seguenti la donna si era recata nuovamente presso la struttura ospedaliera e, domenica scorsa, dopo essere stata trasportata presso l’ospedale Vecchio Pellegrini, è deceduta.
Lunedì scorso, in seguito ad un’articolata attività d’indagine, i Falchi della Squadra Mobile e gli agenti del Commissariato Posillipo, grazie alle descrizioni fornite dalla vittima e alle immagini dei sistemi di videosorveglianza di alcuni esercizi commerciali della zona, hanno individuato e rintracciato il presunto scippatore presso la sua abitazione in via Salvator Rosa dove  hanno rinvenuto diversi capi di abbigliamento corrispondenti a quelli utilizzati per commettere lo scippo.

L’uomo, un 45enne napoletano, è stato sottoposto a fermo di P.G. poiché gravemente indiziato di tentato furto con strappo e di morte come conseguenza di altro delitto che, stamattina, è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria che ha disposto per l’indagato la custodia cautelare in carcere.