Appalti truccati, arrestato il presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria: 18 misure cautelari

Appalti truccati, arrestato il presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria: 18 misure cautelari

Nel mirino della Procura sono finite 11 gare d’appalto indette e gestite dalla Provincia di Benevento, da quella di Caserta e dal Comune di Buonalbergo, il cui sindaco è tra le persone poste ai domiciliari


BENEVENTO – Il presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria,  è stato arrestato questa mattina assieme ad altre 7 persone nell’ambito di un’inchiesta su appalti truccati e tangenti. Insieme a lui altre 7 persone agli arresti domiciliari e dieci soggetti destinatari del divieto di contrattare con la P.A.: è il bilancio di una indagine della Procura di Benevento e dei carabinieri su 11 procedure pubbliche di appalto indette e gestite dalla Provincia di Benevento, da quella di Caserta e dal Comune di Buonalbergo, il cui sindaco è tra gli arrestati.

La misura riguarda imprenditori e professionisti indiziati, a vario titolo, di corruzione aggravata, turbata libertà degli incanti, rivelazione di segreti d’ufficio ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Altri dieci soggetti sono stati invece destinatari del divieto di trattare con la pubblica amministrazione. Le indagini, condotte dai carabinieri, hanno portato anche al sequestro preventivo nei confronti dei diversi indagati di una somma complessiva pari a 49500 euro, ritenuta il prezzo dei reati di corruzione finora accertati e di cui si ritiene siano già stati acquisiti elementi in relazione alla loro effettiva consegna.