Arzano, Alessandra da alla luce due gemelli e muore: era positiva al Covid e non era vaccinata

Arzano, Alessandra da alla luce due gemelli e muore: era positiva al Covid e non era vaccinata

La 31enne aveva partorito prematuramente. I neonati erano risultati anch’essi positivi al virus


NAPOLI / ARZANO  – Lutto e lacrime ad Arzano per la morte di Alessandra De Rosa, 31 anni, da metà ottobre in terapia intensiva al Policlinico di Napoli a causa del Covid-19, dopo aver partorito prematuramente due gemelli, risultati anch’essi positivi al virus ma ora in discrete condizioni di salute. Come riportato da Fanpage

La tragica notizia si è diffusa rapidamente ieri e  ha scosso la comunità religiosa che intorno ad Alessandra e a suo marito, Massimo, grandi lavoratori, conosciuti e benvoluti, ammirati per l’unità della loro bella famiglia, tre bimbi e due in arrivo. La donna, incinta dei gemelli,  ha contratto il virus e le sue condizioni sono andate rapidamente peggiorando. Alessandra non era vaccinata de è dovuta ricorrere alle cure mediche per tutelare se stessa e i bimbi che teneva in grembo. Quando è arrivata al Policlinico universitario della Federico II di Napoli la donna dopo poco è finita in terapia intensiva. Alessandra non si è più ripresa. I gemellini sono stati fatti nascere prematuri mentre lei era sedata; ognuno di loro pesava meno di un chilo, erano entrambi positivi al Covid ma a quanto si apprende non sintomatici e sono in via di miglioramento. I funerali di Alessandra oggi, 27 novembre, nella chiesa del Sacro Cuore ad Arzano.

“Il destino ha voluto così. Così crudelmente feroce, ti ha strappato dalle mie braccia. Sarò eternamente orgoglioso di te della Donna che eri. Sei stata una mamma esemplare e una moglie perfetta. E solo un arrivederci. Ti amerò per tutto il resto della mia vita”, ha scritto Massimo il marito di Alessandra.