Aversa, rissa tra gruppi di Giugliano e Sant’Antimo: minore accoltellato, rene asportato

Aversa, rissa tra gruppi di Giugliano e Sant’Antimo: minore accoltellato, rene asportato

Tentato omicidio aggravato di futili motivi e dall’uso di armi improprie. Queste le accuse che la Procura di Napoli ha avanzato nei confronti del minorenne


AVERSA – Violenta rissa scoppiata per uno sguardo nel cuore della movida di Aversa. Tentato omicidio aggravato di futili motivi e dall’uso di armi improprie. Queste le accuse che la Procura di Napoli, su indagini della polizia, ha avanzato nei confronti del minorenne coinvolto nella rissa da Aversa avvenuta lo scorso 2 ottobre. Lo scontro avvenne tra due gruppi e due di essi subirono colpi con armi da taglio.

LE INDAGINI 

Uno dei due rischiò la vita perché colpito ad un rene. Poco più di un mese mezzo dopo, la Polizia di Stato, sentendo tanti minorenni testimoni del fatto e grazie alle telecamere di videosorveglianza, ha identificato il responsabile dei ferimenti: si tratta di un minore di età compresa tra i 15 e i 16 anni (la Procura non ha voluto rivelare l’età) residente nel Napoletano. Determinanti per le indagini anche il cellulare del ragazzo, che è stato sequestrato e su cui sono stati trovati messaggi in chat relativi ai fatti del 2 ottobre; a casa dell’adolescente inoltre è stato trovato il coltello a serramanico usato per colpire i coetanei.

I MOTIVI

Sono tuttora in corso approfondimenti investigativi della Polizia di Stato sulle posizioni di una dozzina di minorenni per i quali potrebbe scattare una denuncia per concorso in rissa aggravata. Dalle indagini realizzate dai poliziotti del commissariato di Aversa e coordinate dalla Procura per i Minorenni di Napoli, è emerso che la rissa scoppiò per futili motivi nella centrale via Seggio tra un gruppo di minori aversani e un gruppo di coetanei provenienti dai comuni di Giugliano e Sant’Antimo; nel corso della prima fase della lite un giovanissimo fu accoltellato lievemente alla gamba sinistra. La rissa si spostò poi nella vicina via Roma, dove intervennero anche altri ragazzi, e qui l’aggressore ha accoltellato l’altro minore ad un fianco, sorprendendolo alle spalle e lesionandogli un rene. La vittima, portata d’urgenza all’ospedale Moscati di Aversa, è stata sottoposta ad un intervento chirurgico di asportazione del rene danneggiato; i medici hanno poi salvato il ragazzo grazie a trasfusioni di quattro sacche di sangue e tre di plasma. Le indagini si sono concentrate subito sull’hinterland napoletano, da dove si sospettava arrivasse il gruppo di ragazzi in cui vi era il responsabile del ferimento.