Controlli dei Carabinieri nel napoletano: 3 arresti per droga e possesso di documenti falsi

Controlli dei Carabinieri nel napoletano: 3 arresti per droga e possesso di documenti falsi

Nel corso delle operazioni sono stati anche controllati 12 lavoratori di cui 6 ma assunti, 2 di questi erano percettori del reddito di cittadinanza e saranno segnalati all’Inps


VOLLA – Nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale di Napoli i Carabinieri della compagnia di torre del greco hanno effettuato un servizio a largo raggio a Volla e nei comuni limitrofi.

L’operazione è stata effettuata con il supporto del nucleo elicotteristi di Pontecagnano che dall’alto monitoravano la zona.

Due gli arrestati, 2 le persone denunciate a piede libero, 90 le persone identificate e 35 i veicoli controllati.

Arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti un 46enne di Ercolano già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è stato fermato mentre, a bordo della sua utilitaria, percorreva via Pugliano. Perquisito, è stato trovato in possesso di un panetto di hashish da 100 grammi. Il 46enne è in attesa di giudizio.

Arrestato invece per possesso di documenti falsi un 42enne napoletano già noto alle forze dell’orine. I carabinieri lo hanno fermato mentre era in sella al suo scooter in via benedetto croce a Portici. Al controllo ha esibito una carta di identità contraffatta. Per lui le manette, ora è in attesa di giudizio.

Durante le operazioni, i Carabinieri hanno denunciato 1 persona per guida senza aver mai conseguito la patente con recidiva nel biennio. Controllate anche le attività commerciali.

A Volla, i militari del Nucleo Ispettorato del lavoro e del Nas hanno sanzionato il titolare di un bar in via Antonio Gramsci. Contestate all’imprenditore la mancata sorveglianza sanitaria, il mancato aggiornamento del documento di valutazione dei rischi, la mancata formazione del personale oltre alla violazione delle misure anti contagio da covid-19 e alla mancata comunicazione del deposito alimenti che era nel piano interrato. Sanzioni amministrative e penali per un importo di quasi 50mila euro.

Nel corso della serata sono stati controllati 12 lavoratori di cui 6 ma assunti, 2 di questi erano percettori del reddito di cittadinanza e saranno segnalati all’Inps. Elevate, infine, anche 10 sanzioni per le violazioni alle norme anti-contagio.