Lifestyle: tutto sul fondotinta

Lifestyle: tutto sul fondotinta

Come scegliere la tonalità giusta


Il fondotinta è un prodotto che non può mancare sulla base di un trucco se si vuole ottenere un risultato impeccabile. Per un buon make up il fondotinta è quasi indispensabile per rendere omogenea la pelle e coprire eventuali imperfezioni che altrimenti potrebbero compromettere la bellezza del trucco.

 

Usare il fondotinta fa male alla pelle?

Spesso si pensa che questo prodotto, se usato quotidianamente possa danneggiare la pelle; in realtà, la cosa importante è scegliere prodotti genuini e fare attenzione a eventuali intolleranze di elementi specifici, che potrebbero essere inclusi in un fondotinta. Il problema in questo caso, quindi, non sarebbe il prodotto in sè, ma come reagisce la nostra pelle a contatto con alcuni ingredienti. Inoltre, se ci si strucca correttamente e si assume l’abitudine della skincare il problema della pelle danneggiata non si porrà.

 

Come scegliere la tonalità di fondotinta?

Per scegliere il fondotinta perfetto sarà necessario, innanzitutto, considerare il sottotono della propria pelle, da cui dipenderà la scelta del colore del prodotto. Il sottotono può avere una predominanza di colori caldi, freddi o essere neutro. Nel primo caso, il fondotinta più adatto sarà quello di una tonalità che tende al giallo, mentre se si ha un sottotono freddo, il fondotinta dovrà essere rosato. Il sottotono neutro è quello che comprende tonalità sia calde che fredde, quindi il fondotinta sarà una via di mezzo; si predilige una tonalità beige. Il marchio Inglot offre un’ampia scelta di tonalità per ogni tipo di pelle.

 

Texture del fondotinta

A questo punto c’è da considerare la copertura che si vuole ottenere. Se non si hanno troppe imperfezioni sulla pelle e si desidera un risultato molto naturale, un fondotinta fluido o extra fluido è quello più adatto. Infatti, dona uniformità al viso senza fare l’effetto mascherone. Una pelle grassa, invece, avrà bisogno di un fondotinta matt, il quale non comprende sostanze oleose ed è perfetto per togliere l’effetto lucido. YSM Inglot è un esempio di fondotinta opacizzante.

 

Il fondotinta compatto si distingue in quello con una texture polverosa oppure cremosa. La scelta, anche in questo caso, dipenderà dal tipo di pelle; la texture più cremosa sarà adatta alla pelle secca, in modo da idratarla il più possibile e viceversa, una texture polverosa è consigliata per pelli grasse.

 

Infine, vi è il fondotinta a stick che è la tipologia più coprente. Infatti, spesso viene utilizzato anche nell’ambito teatrale per un effetto ”maschera”.

 

Come stendere il fondotinta per avere un ottimo risultato?

La stesura del fondotinta può essere eseguita in diversi modi; non esistono regole precise, perché ognuna di noi ha il metodo con cui si trova meglio. Solitamente, si utilizza una spugnetta bagnata o asciutta per avere un effetto molto naturale, mentre invece, se si desidera un risultato più coprente è possibile utilizzare un pennello dalle setole molto compatte. C’è anche chi si trova bene applicando il fondotinta con le mani, perchè il risultato è più omogeneo.