Lutto nel giornalismo campano: è morto Enrico Fierro, era malato da tempo

Lutto nel giornalismo campano: è morto Enrico Fierro, era malato da tempo

Scriveva per “Domani, ha scritto per Il Fatto Quotidiano, ha collaborato con La Voce della Campania, Dossier Sud, L’Espresso, Epoca. E’ stato inviato speciale de l’Unità e scrittore con all’attivo diverse opere


AVELLINO/ROMA – E’ morto a Roma, in seguito a una grave malattia, Enrico Fierro, giornalista e scrittore di origini irpine. Fierro era nato ad Avellino nel 1951.

Fierro scriveva per “domani, ha scritto per Il Fatto Quotidiano, ha collaborato con La Voce della Campania, Dossier Sud, L’Espresso, Epoca. E’ stato inviato speciale de l’Unità. Per la pubblicazione del volume “La santa – viaggio nella ‘Ndrangheta sconosciuta, assieme a Ruben H. Oliva, ha ricevuto il Premio Globo d’Oro 2007/2008, il Premio Paolo Borsellino 2007 ed il Premio Itaca 2008 promosso dall’associazione universitaria Ulixes. È autore inoltre di Dieci anni di potere e terremoto (1990) e ‘O ministro. La Pomicino story (1991), scritti con Rita Pennarola e Andrea Cinquegrani; E adesso ammazzateci tutti ( 2005). Ammazzati l’onorevole (2007).

Con Cosimo Damiano Damato Enrico Fierro ha firmato la regia dello spettacolo teatrale “Riace Social Blues” sulla storia di Mimmo Lucano. L’ex sindaco di Riace scrive sulla sua pagina social: “Oggi è un giorno triste,
Su una nuvola sta salendo verso il cielo il mio amico Enrico Fierro. Quanto ti voglio bene, Enrico, non riesco a credere che non ci sei più, ti porterò sempre nel cuore”.

E sono davvero tantissime le attestazioni di stima e i ricordi commossi che si moltiplicano in questi minuti dopo la notizia della scomparsa del giornalista. “Curiosità, generosità, lucidità e assoluta assenza di pregiudizi. Doti difficili da trovare in una sola persona, Enrico Fierro le possedeva tutte e tre in grande quantità. Sapere che non c’è più lascia increduli e sgomenti. Un grande dolore, una grave perdita per tutti”.

“La federazione Irpina di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea piange la scomparsa di Enrico Fierro , un giornalista d’inchiesta militante. Ha sempre avuto il coraggio di schierarsi contro le mafie, in Irpinia fu tra i primi a denunciare la vicenda Isochimica e la scandalosa gestione dei fondi post – terremoto in Campania. Enrico con il suo lavoro ha saputo dare volto e voce agli invisibili sostenendo, tra laltro, senza esitare l’esperienza Riace rimanendo sempre al fianco del suo amico Mimmo Lucano. Con lui perdiamo un autorevole irpino stimato in tutto il Paese, un professionista serio e coerente. Ci stringiamo con sincero affetto alla figlia Rossella e a tutta la sua famiglia. Ciao Enrico, ti salutiamo con le lacrime agli occhi promettendoti che faremo tesoro dei tuoi insegnamenti, indelebili. Che la terra ti sia lieve. Le compagne e i compagni irpini”.

“L’associazione Controvento piange la scomparsa di Enrico Fierro, giornalista coraggioso e militante dell’informazione libera. Se ne è andato un testimone degli anni dell’indignazione in Irpinia, un protagonista delle battaglie contro camorra, mafia e ‘ndrangheta. Lo ricordiamo pochi mesi fa sul palco del Goleto a Sant’ Angelo dei Lombardi nel suo spettacolo sull’utopia dell’integrazione a Riace. Un grande abbraccio ai suoi cari”.

FONTE: OTTOPAGINE.IT