Morto il fondatore di Banca Mediolanum, Ennio Doris: aveva 81 anni

Morto il fondatore di Banca Mediolanum, Ennio Doris: aveva 81 anni

A darne annuncio questa mattina la moglie Lina Tombolato e i figli Sara e Massimo


NAZIONALE – La brutta notizia è arrivata questa mattina: Ennio Doris, fondatore e presidente onorario di Banca Mediolanum, è venuto a mancare nella notte fra martedì e mercoledì, alle due e 12 minuti del 24 novembre 2021. L’uomo aveva 81 anni. A darne annuncio la moglie Lina Tombolato e i figli Sara e Massimo che «in questi giorni di lutto» desiderano «mantenere uno stretto riserbo», che chiedono a tutti di «voler rispettare». Nella nota diffusa dalla banca anche il dolore dei dipendenti: «Tutti i Family Banker, i dipendenti e i collaboratori di Banca Mediolanum si stringono uniti e partecipi attorno alla famiglia Doris e, con enorme commozione, rendono omaggio a Ennio Doris, grande uomo e straordinario imprenditore».

Il saluto di Silvio Berlusconi

«Ci ha lasciato Ennio Doris. Un grande uomo, un grande imprenditore, un grande patriota, un grande italiano» ha scritto Silvio Berlusconi in una nota. «Un uomo generoso, altruista, sempre attento agli altri, sempre vicino a chi aveva bisogno. Ci mancherà molto, mi mancherà moltissimo. A Massimo, a Sara, a Lina la mia vicinanza e tutto il mio affetto».

La vita di Ennio

Ennio faceva parte di un’illustre famiglia (accreditata da Forbes di un patrimonio di 3,4 miliardi di dollari) originaria del Veneto. Lui è nato a Tombolo in provincia di Padova – da dove non si era mai voluto allontanare – e aveva cominciato come bancario alla Banca Antoniana di Padova. Non accontentandosi, nel 1969 diventa promotore finanziario con Fideuram, poi dal 1971 al 1981 in Dival (gruppo Ras). Nella sua carriera lavorativa è riuscito, contraddistinguendosi per il rispetto che rivolgeva ad ogni suo interlocutore, per una grande generosità e bontà d’animo.