Napoli, in arrivo stretta sulla movida: il piano

Napoli, in arrivo stretta sulla movida: il piano

La proposta di Antonio De Iesu potrebbe arrivare nei prossimi giorni


NAPOLI – L’orario notturno dei locali di Napoli, ed in particolare quelli dei cosiddetti “barretti”, a breve subiranno: entro fine novembre, infatti, arriverà l’ordinanza ad hoc del sindaco Gaetano Manfredi, che prevederà la chiusura anticipata dei locali disciplinata da una due fasce orarie, una per i giorni infrasettimanali ed un altra per il fine settimana. Ma sulle fasce, al momento, c’è il massimo riserbo: da fonti autorevoli, era filtrata la possibilità di una chiusura obbligata alle 23 dal lunedì al giovedì, e all’una di notte per il fine settimana. Ipotesi che Confcommercio e Confesercenti avevano già bocciato preventivamente. L’ipotesi, non confermata ufficialmente, ha causato . Per l’assessore comunale alla sicurezza Antonio De Iesu, già Questore di Napoli, la riduzione dell’orario può comportare enormi benefici. “Stiamo valutando la riduzione dell’orario di apertura dei locali”, ha spiegato a margine di una conferenza stampa sulla Napoli Marathon prevista per domenica 14 novembre, “perché con una fascia temporale ridotta, sarà anche più facile controllare il territorio”. Ma non ci saranno colpi di mano: De Iesu ha anche aggiunto ai cronisti presenti all’evento che a breve verrà sentito l’assessore Teresa Amato e che si cercherà una soluzione, sentiti anche commercianti e residenti, che possa mettere d’accordo quante più persone possibile. “Ci sono tante diverse esigenze, quelle degli esercenti, quelle dei residenti e quelle dei ragazzi, dobbiamo mediare e capire quale sia l’orario più giusto”, ha aggiunto ancora De Iesu. Non è esclusa infatti una fascia oraria diversa, come ad esempio un’estensione fino alle due nel fine settimana. Ma l’obiettivo è avere un’ordinanza definitiva entro fine novembre.