Napoli, mamma partorisce in casa: ambulanza scortata dalla polizia

Napoli, mamma partorisce in casa: ambulanza scortata dalla polizia

La donna aveva già partorito e il feto era adagiato sulle sue gambe mentre, esausta, è seduta sugli scalini del terraneo dove vive


NAPOLI – Il miracolo della vita in Ambulanza!, potremmo definirlo così l’intervento avvenuto questa mattina  in via Croce, nel quartiere di San Pietro a Patierno. Dove l’equipe guidata dal dottor Gianpiero Fusco, insieme agli uomini della polizia di Stato, sono intervenuti per un parto precipitoso.

Cominciamo il racconto da capo, la centrale operativa del 118 viene allertata da una telefonata che segnala una donna in procinto di partorire. Sembra un intervento banale e invece no, perché l’unico mezzo libero con un medico a bordo, in quel momento, si trova al Vomero, a quasi venti chilometri di distanza. Per il dottor Fusco e la sua squadra è l’inizio di una corsa contro il tempo mentre, in via Croce, nel frattempo, i primi soccorsi sono portati dall’equipaggio di un’altra ambulanza, quella che fa servizio nella zona di piazza Carlo III. Insieme a loro arrivano anche i poliziotti che si occupano di tenere a bada la folla di curiosi, sempre più numerosi, che si è formata per assistere alla scena. Un intervento prezioso, quello del personale della prima ambulanza, ma non risolutivo perché c’è necessità urgente di un medico. La donna, una cittadina straniera, ha, infatti, già partorito e il feto è adagiato sulle sue gambe mentre, esausta, è seduta sugli scalini del terraneo dove vive. Sono momenti di tensione anche perché la folla comincia a rumoreggiare e solo la presenza degli agenti ha impedito che la situazione degenerasse come già accaduto tante volte in passato. Fortunatamente, però, l’ambulanza partita dal Vomero, capita la gravità della situazione, ha divorato la strada facendo la sua comparsa nel vicolo. In pochi istanti la partoriente riceve l’assistenza del caso così come il feto, una vispa bambina. Entrambe, con le accortezze necessarie, sono caricate sull’ambulanza e trasportate all’ospedale Villa Betania dove sono state dichiarate in buona salute.

Una storia con un lieto fine ma che, ancora una volta, ha evidenziato le precarie condizioni in cui operano medici e infermieri del 118. Basti pensare che a Napoli, città da oltre un milione di abitanti, operano, quotidianamente, solo una dozzina di ambulanze medicalizzate in grado di eseguire interventi come quello di via Croce. Un numero che diminuisce durante i festivi e nelle ore notturne. Così succede che una partoriente di San Pietro a Patierno è costretta ad aspettare l’arrivo dell’equipe che opera nella zona collinare. Zona collinare che, durante l’intervento nella periferia nord è rimasta, desolatamente, scoperta. Le conseguenze, per la cittadinanza, sono facilmente intuibili.

POST E FOTO DI NESSUNO TOCCHI IPPOCRATE

“Il miracolo della vita in Ambulanza! Ore 13.12 l’ambulanza del vomero viene allertata per “parto precipitoso” a San Pietro a Patierno (Na). I sanitari guidati dal Dott. Gianpiero Fusco caricano mamma e figlio e partono alla Volta di Villa Betania! Mamma e piccolino in ottima Salute! Grazie alle forze dell’ordine per aver coadiuvato il mezzo di soccorso nelle manovre di soccorso!”