Trasferta da incubo all’Arechi: insulti e minacce per i sostenitori del Napoli in tribuna

Trasferta da incubo all’Arechi: insulti e minacce per i sostenitori del Napoli in tribuna

Costretti ad abbandonare lo stadio sul gol del club partenopeo i supporters azzurri


SALERNO – E’ stata una sfida non priva di tensioni quella giocatasi ieri all’Arechi tra Salernitana e Napoli, che visto vittoriosi gli azzurri, che seppur soffrendo sono riusciti a portare a casa il risultato per 0-1. La trasferta era stata vietata ai tifosi del Napoli residenti nel capoluogo campano o provincia, ma questo non è bastato ad evitare l’afflusso di supporters partenopei, che erano attesi, infatti, in circa 4mila.

Il caos comincia da parte dei tifosi della Salernitana già prima della partita, quando tra gli stessi gruppi di sostenitori scoppia una rissa. “Ad una steward è stato lanciato un telefono in pieno volto”, riportano alcuni testimoni. Nel settore distinti, dove era presenta un gruppo di circa 20 tifosi del Napoli, è proseguito il caos. I malcapitato sono stati presi di mira per tutto il match, con insulti e minacce, fino a quando sono stati costretti addirittura ad abbandonare lo stadio quando ha segnato il Napoli. “Per non farli aggredire era stato creato un cordone di steward, con dietro i carabinieri in tenuta antisommossa ma ciò non è bastato ad evitare il pericolo”, riportano ancora alcuni presenti.