Antonio Morione, rabbia e urla strazianti ai funerali: “Vogliamo giustizia”

Antonio Morione, rabbia e urla strazianti ai funerali: “Vogliamo giustizia”

Lo stendardo del comune di Boscoreale, che ha proclamato il lutto cittadino come l’Ente oplontino, ha atteso l’auto funebre nella centralissima strada cittadina


BOSCOREALE – Oggi è stato il giorno del dolore per il comune di Boscoreale che ha dato il suo ultimo saluto ad Antonio Morione. Il commerciante è stato ucciso nel tentativo di difendere l’incasso la sera dell’antivigilia di Natale, il 23 dicembre, fuori al suo negozio di via Della Rocca a Boscoreale, da alcuni rapinatori.

La salma, prima di recarsi nella chiesa dello Spirito Santo di Torre Annunziata – il rito sarà celebrato dall’arcivescovo di Napoli don Mimmo Battaglia alle 16,30 – si è fermata nei pressi della pescheria boschese dove è stata accolta, sulle note di «Sta passando novembre» di Eros Ramazzotti, da quasi un migliaio di persone che gli hanno tributato un lungo applauso, rotto solo da urla che chiedevano giustizia. Lo stendardo del comune di Boscoreale, che ha proclamato il lutto cittadino come l’Ente oplontino, ha atteso l’auto funebre nella centralissima strada cittadina.