Campania, produttori agricoli protestano contro l’abbattimento di bufali sani: “E’ un disastro!”

Campania, produttori agricoli protestano contro l’abbattimento di bufali sani: “E’ un disastro!”

“Abbattere migliaia e migliaia di preziosi capi mandando all’aria centinaia di aziende altrettanto sane, come hanno fatto la Regione Campania e l’Asl casertana in questi dieci anni è un vero delitto”, dicono in merito alla vicenda brucellosi


CAMPANIA – “Abbattere migliaia e migliaia di preziosi capi bufalini sani mandando all’aria centinaia di aziende altrettanto sane, come hanno fatto la Regione Campania e l’Asl casertana in questi dieci anni sulla scorta di un mero sospetto e con una spesa enorme per le Casse della Regione Campania è un vero delitto; contro gli animali, gli allevatori e i consumatori. Né, riguardo ad eventuali alibi, può invocarsi un malinteso “principio di precauzione” su una sospetta brucellosi o Tbc sulle quali neppure hanno concesso il diritto al riscontro prima degli abbattimenti, perché una cosa è ritrovarsi con percentuali di abbattimenti indebiti intorno al 10 o anche 15%, altro è aver mandato al patibolo oltre il 95% di capi ‘innocenti”.

Lo afferma il presidente di Copagri (Confederazione Produttori Agricoli) Campania Salvatore Ciardiello per il quale “è chiaro che, al di là  dell’imbarazzante e comprensibile silenzio dei vertici di Asl e Regione, il piano regionale di eradicazione della brucellosi e della Tbc bufalina, tutt’ora in piedi dal 2014 con il blocco delle vaccinazioni contro la Brucellosi Bufalina, è da cancellare completamente, visto che tutti ha favorito fuorché i poveri animali, chi li alleva, chi produce il nostro oro bianco ‘la mozzarella di Bufala’ e chi lo consuma. Ma su questo  ci sarà chi farà chiarezza, speriamo presto”.

“Per questo  – aggiunge -, considerata l’evidente ed assoluta mancanza di volontà di ascolto della Regione Campania abbiamo chiesto un incontro urgente con il Ministro Patuanelli affinché il Ministro dell’Agricoltura ed il Ministro della Salute provvedano urgentemente con uno specifico Decreto Interministeriale e, parallelamente all’attività della magistratura, lo stesso Governo faccia chiarezza inviando gli Ispettori perché si renda Giustizia ad un settore che nel Casertano rischia letteralmente di sparire. E sappiamo chi ringraziare”.