Colpito da un aneurisma durante il servizio allo stadio, Antonio non ce l’ha fatta: lascia la moglie e una figlia

Colpito da un aneurisma durante il servizio allo stadio, Antonio non ce l’ha fatta: lascia la moglie e una figlia

Il giovane commissario era stato soccorso da un tifoso  e da un agente


COSENZA – Antonio Trotta, commissario capo della Questura di Catanzaro, non ce l’ha fatta. Ha accusato un malore prima della partita Catanzaro-Foggia, domenica pomeriggio.  Il 34enne ha avuto un aneurisma celebrale mentre era impegnato in servizio di ordine pubblico nelle operazioni di prefiltraggio dei tifosi del Foggia in arrivo a Catanzaro per la partita di calcio serie C tra pugliesi e calabresi.

Il commissario capo era crollato a terra nei pressi della galleria Sansinato di Catanzaro ed era stato soccorso da un tifoso foggiano e da un agente del Reparto mobile. Trotta, che aveva subito anche un arresto cardiaco ed era stato portato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Cosenza, era in attesa dei tifosi ospiti nel piazzale della Galleria del Sansinato quando ha perso i sensi. Dopo 4 giorni dal ricovero all’ospedale di Cosenza, il 34enne si è spento. Trotta era commissario capo all’Anticrimine della Questura di Catanzaro ed era originario di Torano in provincia di Cosenza. Lascia la moglie  e una figlia.

MESSAGGIO DI CORDOGLIO DEL SINDACO

“Grande dolore e profonda commozione” sono stati espressi dal sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, “anche a nome dell’intera Amministrazione comunale”, per la morte del commissario capo della Questura, Antonio Trotta. “Rivolgo le più sentite condoglianze alla famiglia di Antonio Trotta – ha detto Abramo – in questo momento così difficile. Trotta è stato un funzionario di Polizia molto apprezzato e stimato dai colleghi ed il gesto di vicinanza e di rispetto da parte delle tifoserie domenica scorsa, che hanno interrotto i cori, ha reso onore alla sua figura e al suo ruolo istituzionale”. “Unendoci al dolore dei suoi cari – ha detto ancora il Sindaco di Catanzaro – Palazzo de Nobili ricorderà il poliziotto tributandogli un minuto di silenzio nella prossima seduta del Consiglio comunale”.

IL CORDOGLIO DEL COMMISSARIO CAPO DELLA POLIZIA DI STATO

“Ci uniamo al dolore della famiglia e di tutti i colleghi del Commissario Capo della Polizia di Stato Antonio Trotta, prematuramente deceduto per le complicazioni a seguito di un aneurisma cerebrale. Sono notizie che ci lasciano sgomenti e ogni parola sarebbe superflua. Il Movimento Sindacale Autonomo di Polizia esprime tutta la sua vicinanza alla famiglia e ai colleghi che hanno perso un uomo e un poliziotto dalle doti umane e professionali eccezionali”. Così Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap) sulla scomparsa del Commissario Capo Antonio Trotta, in forza presso la divisione Anticrimine di Catanzaro.