Covid in Italia: quasi 44.600 nuovi casi, record assoluto da inizio pandemia

Covid in Italia: quasi 44.600 nuovi casi, record assoluto da inizio pandemia

I morti sono 168. Con 901.450 tamponi il tasso di positività sale al 4,9% (+0,3%)


NAZIONALE – Sono 44.595 i casi di Covid individuati in Italia nelle ultime 24 ore, record assoluto da quando quasi due anni fa è esplosa la pandemia. Ieri i casi erano stati 36.293. Il precedente record era stato registrato il 13 novembre del 2020, quando i casi individuati furono 40.902. I morti sono 168. Con 901.450 tamponi il tasso di positività sale al 4,9% (+0,3%).

Prosegue anche la crescita dei ricoveri ordinari che sono 178 in più rispetto a ieri (+163) per 8.722 complessivi. In crescita le terapie intensive: 1.023 i pazienti (+13 rispetto a ieri) con 93 ingressi al giorno. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Sono invece 430.029 gli attualmente positivi, 27.300 in più rispetto a ieri. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 5.517.054 e i morti 136.245. I dimessi e i guariti sono invece 4.950.780 , con un incremento di 17.117 rispetto a ieri.

La regione con l’incremento maggiore di casi è sempre la Lombardia con 12.913 positivi nelle ultime 24 ore. Seguono il Veneto, con 5.023 casi, il Piemonte con 4.304 casi e la Campania con 3.599 casi. Il totale degli attuali positivi è di 430.029 persone (+27.300), di cui 420.284 in isolamento domiciliare. Mentre salgono a 4.950.780 i dimessi guariti dal Covid (+17.117).

VALLE D’AOSTA

In Valle d’Aosta sono stati rilevati 154 nuovi casi positivi al Covid-19 nelle ultime 24 ore. Le guarigioni sono state 56. I contagiati attuali sono 1.041, di cui 22 ricoverati all’ospedale Parini (nessuno in terapia intensiva). E’ quanto riportato nel bollettino diffuso dalla Regione sulla base dei dati dell’Usl. Il numero delle vittime dall’inizio della pandemia nella regione alpina è 487.

TRENTINO

Bilancio pesantissimo quello di oggi in Trentino sul fronte dei decessi da covid-19: sono 6 (2 donne e 4 uomini), tutti – tranne uno – venuti a mancare in ospedale, la vittima più giovane aveva 68 anni, quella più anziana 79. Un paio di questi erano vaccinati da meno di 5 mesi ma presentavano altre patologie; stesso discorso per altri due, vaccinati da oltre 5 mesi, con patologie; di altri due si apprende che non erano vaccinati o il ciclo non era completo ed uno dei due non presentava altre patologie. Numeri alti anche sul fronte dei nuovi contagi: 368 quelli contati nelle ultime 24 ore. La situazione negli ospedali vede oggi un totale di 121 pazienti covid, dei quali 22 si trovano ancora in rianimazione: ieri i ricoveri sono stati 15; le dimissioni 9. Nel dettaglio, ieri sono stati analizzati 1.346 tamponi molecolari che hanno riscontrato 123 nuovi casi positivi e confermato 259 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. Questi ultimi sono stati o particolarmente numerosi: 11.070, dei quali 245 sono risultati positivi. La fascia più ‘esposta’ è risultata quella fra i 19 ed i 39 anni, con 137 nuovi casi. Ieri le classi in quarantena erano 49. Altri 293 guariti portano il totale a 52.477. Infine i dati sulle vaccinazioni: questa mattina è stata raggiunta quota 973.262, comprese 388.364 seconde dosi e 155.110 terze dosi.

ALTO ADIGE

Sono 345 i nuovi casi Covid registrati in Alto Adige nelle ultime 24 ore di cui 141 da 1.820 tamponi molecolari e 204 da test antigenici. È quanto emerge dal bollettino dell’Azienda Sanitaria della Provincia autonoma di Bolzano. Sono invece 4 i decessi comunicati nello stesso arco temporale per un totale di 1.293. Sono 82 i ricoveri in reparto, 62 nelle strutture private convenzionate, 7 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e 21 in terapia intensiva. Sono 317 i nuovi guariti e 8.929 in isolamento domiciliare.

PIEMONTE

Nuovo balzo dei contagi in Piemonte, Sono 4.304 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 nelle ultimie 24 ore, il 5,1% di 84.147 tamponi eseguiti. Era dal 19 novembre 2020 che non si registrava un dato tanto alto. In aumento anche i decessi, tredici quelli registrati oggi dall’Unità di crisi regionale, come il 25 maggio scorso. Sostanzialmente stabili le terapie intensive, dove i ricoveri sono 67 (+3), continua a crescere il numero dei pazienti nelle terapie ordinarie, dove sono 868 (+14). Le persone in isolamento domiciliare sono 31.595, gli attualmente positivi 32.530. Sale anche il numero dei guariti: oggi sono 1.704. Dall’inizio della pandemia, dunque, il Piemonte ha registato 443.678 positivi, i decessi diventano 11.983, i guariti 399.165.

VENETO

Sono 5.023 i contagi Covid e 20 i decessi registrati in Veneto nelle ultime 24 ore.  Lo riferisce il bollettino della Regione. Il totale degli infetti dall’inizio della pandemia sale a 594.965, quello delle vittime a 12.241. Sempre più pesante la situazione ospedaliera.  I malati Covid ricoverati in area medica sono 1.198 (+12), quelli in terapia intensiva 167 (+3). Gli attuali positivi nella Regione salgono a 65.511.

LOMBARDIA

Sono 12.955 i nuovi positivi in Lombardia, record assoluto in regione dall’inizio della pandemia, con 205.847 tamponi per un tasso di positività in crescita del 6.2% (ieri 5,7%). È quanto emerge da un report reso noto dalla direzione Welfare della Regione, che sottolinea però che la Lombardia ha ancora dati da zona bianca.  I casi positivi degli ultimi sette giorni sono 51.456, con un incidenza di 513 per 100mila abitanti, ma i ricoverati nei reparti ordinari sono 1.408 (+56 rispetto a ieri), con una percentuale di occupazione di posti letto pari al 13,8%. Sono 162, invece (due in meno di ieri), i ricoverati in terapia intensiva, con un’occupazione dei posti letto del 10,6%.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Fvg su 10.356 tamponi molecolari sono stati rilevati 940 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 9,08%. Sono 20.310 i test rapidi antigenici effettuati, dai quali sono stati rilevati 141 casi (0,79%). Si conferma che la prima fascia di contagio è quella under 19 con il 23,59% dei nuovi positivi, a seguire la 40-49 anni con il 18,78% e quella 50-59 anni con il 15,36%. Oggi si registrano 6 decessi: un uomo di 88 anni di Trieste (deceduto in ospedale), una donna di 82 di Trieste (ospedale), un uomo di 81 di Cordenons (ospedale), uno di 78 di Sacile (ospedale), uno di 73 di Frisanco (ospedale), una donna di 70 di Montereale Valcellina (ospedale). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 26 e i pazienti ospedalizzati in altri reparti calano a 281. Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. I decessi ammontano a 4.160, con la seguente suddivisione territoriale: 988 a Trieste, 2.069 Udine, 766 Pordenone e 337 Gorizia. I guariti sono 133.619, i clinicamente guariti 322, quelli in isolamento ammontano a 8.212. Dall’inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive 146.620 persone: 35.507 a Trieste, 61.708 Udine, 29.372 Pordenone, 17.994 Gorizia e 2.039 da fuori regione. Il totale dei casi positivi è stato ridotto di 7 unità dopo 4 test antigenici non confermati dall’esame molecolare (2 Go, 1 a Ud e 1 a Ts) e di 3 test positivi rimossi dopo revisione dei casi (2 a Go e 1 a Pn). Per il sistema sanitario regionale, sono state rilevate le positività: 4 infermieri, due operatori socio sanitari, un operatore tecnico, un tecnico di laboratorio dell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina; di un amministrativo, tre infermieri, due operatori socio sanitari dell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale; di un infermiere, un operatore tecnico, un operatore socio sanitario dell’Azienda sanitaria universitaria Friuli occidentale; un infermiere all’Irccs Burlo Garofolo di Trieste; un tecnico di laboratorio dell’Irccs Cro di Aviano. Tra gli ospiti delle residenze per anziani del Fvg si registrano 4 contagi (Trieste e Pordenone); risultano due positivi (San Pietro al Natisone e Trieste) tra gli operatori che vi lavorano.

LIGURIA

Sono 1.144 i nuovi casi di positività al coronavirus in Liguria, a fronte di 6.768 tamponi molecolari e 14.759 antigienici rapidi. E’ quanto riportato dal bollettino diffuso dalla Regione. In ospedale ci sono 462 pazienti covid ricoverati, 9 in più di ieri. Di questi, 32 sono in terapia intensiva: 22 di loro non sono vaccinati. Il report registra anche 5 nuovi decessi avvenuti tra il 21 dicembre e oggi: le vittime del virus, da inizio emergenza, salgono dunque a 4.547.

EMILIA-ROMAGNA

In Emilia Romagna, nelle ultime 24 ore, ci sono stati 2.860 nuovi casi su un totale di 47.268 tamponi eseguiti con un tasso di positività del 6%. Tra i contagiati, si registrano 1.260 asintomatici di cui 574 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 25 con lo screening sierologico, 153 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 15 tramite i test pre-ricovero. Per 493 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica. L’età media dei positivi è di 38,3 anni. La provincia con più positivi è Modena con 436 nuovi casi, seguita da Rimini (418) e Bologna (411). Poi Reggio Emilia (384) e Ravenna (302); quindi Ferrara (296). Seguono Parma (191), Forlì (143) e Cesena (126). Infine, Piacenza (98) e il Circondario Imolese (55 nuovi casi). Undici, invece, i decessi: uno a Modena (una donna di 77 anni); tre in provincia di Bologna (due donne, rispettivamente di 74 e 87 anni, e un uomo di 78); tre nella provincia di Ferrara (tutti uomini, rispettivamente di 69 anni, 75 – quest’ultimo deceduto a Modena – e 88 anni); tre nella provincia di Ravenna (una donna di 61 anni e due uomini, di 76 e 78 anni); uno in quella di Forlì-Cesena (una donna di 93 anni di Cesena). Crescono di tre unità i pazienti ricoverati in terapia intensiva per un totale di 110, aumentano di 13 quelli negli altri reparti Covid arrivando a 1.121.

TOSCANA

In Toscana sono 324.433 i casi di positività al Coronavirus, 2.780 in più rispetto a ieri (2.650 confermati con tampone molecolare e 130 da test rapido antigenico). I nuovi casi hanno un età media di 37 anni circa: 21% ha meno di 20 anni, 36% tra 20 e 39 anni, 29% tra 40 e 59 anni, 12% tra 60 e 79 anni, 2% ha 80 anni o più. Purtroppo si registrano altri 5 decessi –  4 uomini e 1 donna con un’età media di 82,6 anni, residenti in provincia 2 a Firenze, 1 a Arezzo, 2 a Grosseto – che portano il totale a 7.507. Sempre in crescita i ricoverati: sono 453, 16 in più rispetto a ieri, di cui 66 in terapia intensiva, 2 in più. Questi alcuni dati diffusi dalla Regione. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 295.261 (91% dei casi totali). Gli attualmente positivi sono oggi 21.665, +10,9% rispetto a ieri. Complessivamente, 21.212 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (2.113 in più rispetto a ieri, più 11,1%). Sono 42.076 (1.159 in più rispetto a ieri, più 2,8%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate. Riguardo alle singole province Firenze, che complessivamente è a 89.156 casi, registrata ben 846 contagi in più rispetto a ieri, Prato 215, Pistoia 212, Massa Carrara 149, Lucca 286, Pisa 215, Livorno 206, Arezzo 260, Siena 299, Grosseto 92 in più.

UMBRIA

Con 933 nuovi casi Covid nell’ultimo giorno l’Umbria registra il dato più alto dall’inizio della pandemia. Emerge dai dati sul sito della Regione che non riporta comunque altri morti per il virus. E’ invece leggero l’aumento della pressione sugli ospedali, con 73 ricoverati, cinque in più, mentre restano fermi a otto i posti occupati nelle terapie intensive. Tra mercoledì e giovedì i guariti sono stati 130. Gli attualmente positivi salgono a 5.374, 803 in più. Sono stati analizzati 4.743 tamponi e 15.474 test antigenici, con un tasso di positività sul totale pari al 4,6 per cento (3,98 mercoledì).

LAZIO

Sono 43.110 le persone attualmente positive a Covid-19 nel Lazio, di cui 917 ricoverati, 122 in terapia intensiva e 42.071 in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia i guariti sono 414.871 e i morti 9.193 su un totale di 467.174 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.

MARCHE

Torna a impennarsi il numero di ricoveri per Covid-19 nelle Marche: +12 degenti (ora sono 228) in 24ore ma -1 ricovero in Terapia intensiva (39) a fronte di aumenti in Semintensiva (42; +4 rispetto a ieri) e in reparti non intensivi (147; +9). Sono sei invece i decessi correlati alla pandemia e il totale sale fino a 3.211: le vittime, tutte con patologie pregresse, sono un 80enne di Ancona, un 83enne di Grottazzolina (Fermo), una 88enne di Pesaro, una 89enne di Fano (Pesaro Urbino), un 93enne di Civitanova Marche e una 97enne di Potenza Picena (Macerata). I dati sono forniti dalla Regione. Nelle ultime 24ore 24ore 871 positivi rilevati e incidenza in rialzo a 315,03. Le persone dimesse dagli ospedali in un giorno sono 14; 114 quelle attualmente assistite in strutture territoriali e 39 in osservazione nei pronto soccorso. Il totale dei positivi (isolati più ricoverati) passa a 6.688 (+44) e continua la progressione delle quarantene per ‘contatto’ con contagiati (17.173 (+736). I guariti/dimessi raggiungono i 126.180 (+821).

ABRUZZO

Sono 662 (di età compresa tra 2 e 99 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 94984. Il bilancio dei pazienti deceduti non registra nuovi casi e resta fermo a 2626. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 84595 dimessi/guariti (+242 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 7763 (+420 rispetto a ieri), (nel totale sono ricompresi anche 1309 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità. Sono 130 i pazienti (+5 rispetto a ieri) ricoverati in ospedale in area medica; 15 (-1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 7618 (+416 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 5890 tamponi molecolari (1684478 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 16230 test antigenici (1604210). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 2.99 per cento. Del totale dei casi positivi, 23645 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+113 rispetto a ieri), 24057 in provincia di Chieti (+104), 22455 in provincia di Pescara (+208), 23909 in provincia di Teramo (+220), 754 fuori regione (+11) e 164 (+6) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

 

MOLISE

 

CAMPANIA
Sono 3.599 I positivi del giorno in Campania, rilevati a fronte di 58.660 tamponi processati. Lo comunica l’unità di crisi della Regione. Sono nove i decessi registrati, sette persone sono morte nelle ultime 48 ore e due in precedenza ma registrate ieri. Sono 463 i ricoverati in degenza e 31 i pazienti covid ricoverati in terapia intensiva.

 

BASILICATA
Nuovo aumento dei contagi da Sars Cov-2 in Basilicata. Sono 270 i nuovi casi (256 riguardano residenti), su un totale di 2.212 tamponi molecolari, e si registra un decesso per Covid. Sono i dati del bollettino regionale della task force coronavirus riferito alle ultime 24 ore. La persona deceduta risiedeva a Senise. Dei nuovi casi si registra un picco a Matera (85) mentre i lucani guariti o negativizzati sono 50. I ricoverati per Covid-19 sono 41 (-1) di cui nessuno in terapia intensiva: 21 nell’ospedale di Potenza e 20 in quello di Matera. Nel complesso gli attuali positivi residenti in Basilicata sono 2.323 (+206).

SARDEGNA

In Sardegna si registrano oggi 344 ulteriori casi confermati di positività al Covid, sulla base di 4.335 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 11.817 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 11 ( come ieri). I pazienti ricoverati in area medica sono 127 ( 6 in più di ieri). 4296 sono i casi di isolamento domiciliare ( 84 in più di ieri). Si registra il decesso di due uomini di 58 e 86 anni, residenti rispettivamente nella provincia di Nuoro e nella Città Metropolitana di Cagliari. Lo comunica la Regione Sardegna.

FONTE: REPUBBLICA.IT