Giugliano, Luci di Natale: i numeri smentiscono Poziello

Giugliano, Luci di Natale: i numeri smentiscono Poziello

L’ex sindaco: “Spendono gli stessi soldi che abbiamo speso noi”, ma gli atti raccontano una situazione molto diversa


GIUGLIANO – Luci della discordia, a Giugliano monta la polemica sulle luminarie natalizie dopo il post pungente dell’ex sindaco Antonio Poziello che senza mezze misure dichiara: “Stanno spendendo gli stessi soldi che spendevamo noi, ma senza la stessa poesia e bellezza”. La verità dei numeri, però, smentisce l’opposizione: con gli stessi soldi usati per le sole luminarie da Poziello, Pirozzi ha portato a casa le luci ed un cartellone di eventi degno di nota.

L’amministrazione Poziello nel suo ultimo anno, il 2019, mise a bilancio una spesa per le casse comunali di quasi 135mila euro iva inclusa per le luminarie. L’attuale governo cittadino spenderà una cifra simile, ma aggiungendo alle luci anche tutti gli eventi e proponendo alla città una differente visione: basta con la sagra mordi&fuggi, fascia costiera valorizzata con il villaggio di Babbo Natale che per la prima volta viene presentato sulla zona mare, rilancio del commercio come obiettivo su cui investire.

Nel dettaglio, Pirozzi spenderà 75mila euro (iva inclusa) per le luci e altri 65mila per un cartellone di eventi che ne sarebbe costato 90mila ma a cui ha contribuito con 25mila euro la Camera di Commercio. In totale 140mila euro, quasi la stessa cifra spesa da Poziello per le sole luminarie, senza contare tutti gli eventi, con un totale che nel 2017 arrivò a 340mila euro.

Non si può, perciò, raccontare ai cittadini che si siano spesi realmente gli stessi soldi. Gli atti parlano chiaro. E non può un’opposizione fondare la propria azione comunicativa su dichiarazioni non veritiere. Tutto ciò squalifica il dibattito e abbassa il livello di tutta una classe politica che deve invece, maggioranza e opposizione, confrontarsi su temi veri per fare il bene della terza città della Campania.