Il Giugliano vince in casa del Lanusei e consolida il primato: cronaca e tabellino del match

Il Giugliano vince in casa del Lanusei e consolida il primato: cronaca e tabellino del match

“La squadra ha giocato con forza e carattere, complimenti ai ragazzi che sono straordinari. E’ stata una battaglia”, ha detto il tecnico gialloblu, Giovanni Ferraro


LANUSEI/GIUGLIANO – Il Giugliano Calcio vince in casa del Lanusei (Sardegna, provincia di Nuoro) e consolida il suo primato nel suo girone di Serie D.

Di seguito la cronaca, il tabellino e le parole di mister Ferraro nel dopogara:

Inizia la gara. Dopo due minuti Giugliano in vantaggio. Azione personale di Cerone che dalla distanza cerca e trova la porta. Benvenuti battuto ed è 1-0. Al 13’ reazione del Lanusei. Incursione in area di Meleandri che cerca la porta con il destro, bravissimo Baietti. Al 16’ arriva il pareggio della squadra di casa. Punizione che trova in area Macrì che batte l’estremo difensore ospite per l’1-1. Al 24’ si rivede la squadra di Ferraro con una punizione di Cerone, palla di poco fuori. Fase centrale combattuta della gara. Termina il

Inizia il secondo tempo. Al 3’ minuto azione personale di Kyeremateng che viene atterrato in area. Per l’arbitro è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Cerone che sigla la sua doppietta personale: è 2-1 per il Giugliano. Al 12’ grande occasione per il Lanusei con un batti e ribatti in area in seguito ad un calcio d’angolo. Alla fine è Gentile bravo a liberare. Al 20’ buona iniziativa personale di Abreu, che conclude alto. Al 24’ Giugliano a un passo dalla terza rete con il neo-acquisto Abonckelet, che di destro da posizione ravvicinata non centra il bersaglio grosso. Al 30’ padroni di casa a in avanti, è Poziello Ciro a salvare su Manca. Un minuto più tardi ancora il Lanusei, ma la difesa ospite sventa la minaccia. La squadra di casa cerca il pareggio, ma il Giugliano difende con i denti il vantaggio. Termina la gara in il risultato di 2-1 per la squadra di mister Giovanni Ferraro.

Lanusei: Benvenuti, Gualtieri (36’st Ciotoli) Raimo, Petruccelli (21’st Di Lollo), Gemini, Lazazzera, D’Alessandris, Meledandri (31’st Carta), Macrì (31’st Marrazzo), Gaetani (15’st Masia), Manca. A disposizione:  Paolombo, Pischedda, Darboe, Tomety. Allenatore: Stefano Campolo.

*Al 40’st infortunato Marrazzo, Lanusei in dieci uomini per aver effettuato già i cinque cambi a disposizione

Giugliano: Baietti, Boccia, Ceparano, Poziello Ciro, Fornito (7’st Abonckelet), Cerone (34’st Mazzei), Rizzo (19’st Abreu), Gladestony (47’st Poziello Raffaele), Gentile, Biasiol, Kyeremateng (22’st Scaringella). A disposizione: Costanzo, Mekki, Caiazzo, Flores. Allenatore: Giovanni Ferraro.

Marcatori: 2’pt Cerone (G); 17’pt Macrì (L);  4’st Cerone (G).

Ammoniti: 22’pt Meledandri (L); 36’pt Biasiol (G); 52’st Scaringella (G).

Espulsi:

Recupero: 0’pt; 9’st.

Le parole del tecnico del Giugliano, Giovanni Ferraro:

“Oggi non era assolutamente facile venire su questo campo e vincere, abbiamo avuto due giorni per preparare la gara e siamo venuti a giocare in quella che è considerata la trasferta più lunga di tutta la Sardegna. C’era vento, pioggia, è stata una partita sofferta, non certo la nostra migliore prestazione qualitativamente parlando. La squadra ha giocato con forza e carattere, complimenti ai ragazzi che sono straordinari. E’ stata una battaglia, abbiamo dimostrato che quando vogliamo qualcosa ce lo prendiamo anche con i denti. Questi sono tre punti che ci fanno fare un passo in avanti. Noi dobbiamo pensare a noi e al nostro percorso. Abbiamo fatto undici vittorie in tredici partite non è semplice e non è scontato, per niente”.
L’allenatore ha poi continuato: “Inutile pensare troppo al futuro o ai risultati delle altre squadre. Io ci tengo a sottolineare che i momenti negativi ci possono essere per tutti e anche noi dovremo essere bravi, pronti ed equilibrati. Ripeto i ragazzi sono stati incredibili. Un plauso a quei tifosi che oggi in un giorno di festa sono venuti qui per starci accanto, è un orgoglio per noi renderli felici. Arriveremo a tarda notte a casa. Ci vorrà serenità nel preparare l sfida di domenica. I ragazzi domani faranno un riposo arrivo, perché è fondamentale anche questo per la testa e la tranquillità di tutti. Non c’è bisogno di forzare. Quella di oggi è la vittoria di tutti, di ogni singolo componente che lavora per questa società. Guardiamo avanti”.