Incidenti sul lavoro, ieri in Campania due vittime in meno di 24 ore: lavoravano “in nero”

Incidenti sul lavoro, ieri in Campania due vittime in meno di 24 ore: lavoravano “in nero”

Le tragedie avvenute a Ischia e nel Salernitano, in entrambi i casi nessuna garanzia per gli operai deceduti


CAMPANIA – Due morti sul lavoro, ieri in Campania, ed in entrambi i casi si tratta di operai irregolari. La prima vittima si è verificata ad Ischia. Vittorio Tommasone stava lavorando alla ristrutturazione di un edificio privato. E’ caduto giù da una impalcatura ed è morto, a 59 anni. Lavorava senza un regolare contratto di lavoro, e lascia la moglie e tre figli.

Nel pomeriggio, invece, a Montecorvino Pugliano (Salerno) in una piazza del centro cittadino, un 55enne residente a Montecorvino Rovella, Pierino Oronzo, è morto mentre stava effettuando lavori di posa di una guaina su un immobile. La vittima si è accasciata sul bitume rimanendo ustionata: forse a causa dei fumi esalati durante la posa della guaina o forse per un malore.

I carabinieri di Montecorvino Pugliano e della compagnia di Battipaglia, intervenuti sul posto, hanno appurato che non c’era alcun tipo di rapporto di lavoro tra l’operaio e il proprietario dell’immobile. La vittima non risulta iscritta presso nessuna camera di commercio quindi lavorava a nero. Non era sposato e non aveva figli.