Morto Hugo Maradona: il fratello di Diego trovato senza vita in casa nel napoletano

Morto Hugo Maradona: il fratello di Diego trovato senza vita in casa nel napoletano

Sul posto i sanitari del 118 che hanno constatato il decesso. Anche lui aveva giocato in Serie A, nell’Ascoli


MONTE DI PROCIDA – Hugo Maradona, fratello di Diego Armando Maradona, è morto nella mattinata di oggi, 28 dicembre per arresto cardiaco. Il decesso è avvenuto alle 11.50 di questa mattina. L’uomo, 52 anni, viveva nella zona Flegrea, a Monte di Procida, provincia di Napoli. Hugo Maradona è deceduto nella sua abitazione, sul posto i sanitari del 118 che hanno constatato il decesso. Il decesso di Hugo Maradona arriva a un anno dal decesso di Diego Armando, avvenuto il 25 novembre 2020 in Argentina.

La sua carriera calcistica nell’ombra di Diego

Fratello minore di Diego, come lui e l’altro fratello Raul detto Lalo intraprese la carriera calcistica giovanissimo: a 18 anni fu acquistato dallo stesso Napoli, fresco Campione d’Italia, che lo girò in prestito all’Ascoli nella stagione 1987/88. I due giocarono anche da avversari, ma la carriera di Hugo intraprese poi altre strade: il Rayo Vallecano in Spagna, poi le esperienze in Austria e in Giappone, prima di tornare a Napoli e dedicarsi al calcio giovanile. Negli anni passati, allenò anche il Boys Quarto: Hugo differentemente dal fratello Diego poteva permettersi il lusso di vivere a Napoli e girare liberamente, nonostante il cognome pesante e l’incredibile somiglianza con il più noto fratello. Sposatosi a Bacoli nel 2016 con Paola Morra, non era raro incrociarlo negli stadi di provincia a guardare la sua grande passione: il calcio.

Nel 2018 il ricovero e i ringraziamenti ai medici

Nel 2018 Hugo si sottopose ad un check-up all’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, dove fu sottoposto anche ad un intervento chirurgico “di routine”. Subito dopo, Hugo inviò una lettera di ringraziamento ai medici dell’ospedale, che l’Azienda Sanitaria Locale Napoli 2 Nord poi pubblicò sui propri profili social. “A loro il mio più profondo ringraziamento”, concluse Hugo in calce alla lettera-

FONTE: FANPAGE.IT