Acque reflue nel Volturno, due ex sindaci a processo nel casertano per disastro ambientale

Acque reflue nel Volturno, due ex sindaci a processo nel casertano per disastro ambientale

Uno di loro è già sotto processo per concorso esterno in associazione camorristica


vigili

CASERTA – Due ex sindaci di Capua (Caserta) a processo per disastro ambientale per la vicenda delle acque reflue urbane finite nel fiume Volturno a causa della carente manutenzione degli impianti di sollevamento delle rete fognaria. Il gup del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha infatti rinviato a giudizio l’ex primo cittadino Eduardo Centore, il dirigente ai lavori pubblici Francesco Greco ed Eleonora Castri, titolare di Agave, società cui era stata affidata la manutenzione degli impianti di sollevamento; i tre imputati affronteranno il dibattimento che inizierà ad aprile.

Sosterrà invece il processo con rito abbreviato dopo l’estate l’altro ex sindaco di Capua Carmine Antropoli, già sotto processo per concorso esterno in associazione camorristica.
L’indagine della Procura di Santa Maria Capua Vetere portò nel dicembre 2018 al sequestro da parte dei carabinieri di Capua di dieci impianti di sollevamento delle acque reflue fognarie e meteoriche del Comune. Per l’ufficio inquirente le acque reflue provenienti dalla rete fognaria finivano direttamente nel fiume Volturno aumentandone il livello di inquinamento, invece di andare al depuratore. Gli accertamenti partirono nel maggio 2018 dopo un controllo delle acque delle fiume Volturno eseguito dai tecnici dell’Arpac con alcuni campionamenti realizzati in corrispondenza dello sforatoio di piena dell’impianto di sollevamento ubicato in località Borgo Santella; emerse subito che le pompe di sollevamento non funzionavano, e le acque reflue finivano direttamente nel fiume invece che essere avviate al depuratore. I controlli furono così estesi a tutti gli impianti, in particolari agli otto utilizzati per le acque reflue e ai due funzionali alle acque meteoriche; fu accertato un malfunzionamento generale di tutte le apparecchiature, ridotte in pessimo stato e senza manutenzione, nonostante i lavori fossero stati affidati ad una ditta. Nello staff dei difensori ci sono Mauro Iodice e Michele Spina. (ANSA)

 

FOTO DI REPERTORIO