Aversa, lite in stazione finisce nel sangue: 30enne arrestato per tentato omicidio

Aversa, lite in stazione finisce nel sangue: 30enne arrestato per tentato omicidio

L’uomo ha continuato a sferrare calci e pugni nonostante l’altro fosse già a terra


AVERSA – Martedì 4 gennaio la Polizia di Stato di Caserta ha arrestato un cittadino straniero, resosi responsabile del delitto di tentato omicidio. Gli operatori,  su segnalazione della Sala Operativa del Compartimento della Polfer di Napoli, sono giunti alla stazione ferroviaria di Aversa a seguito di una lite tra due soggetti, uno dei quali aveva avuto la peggio ed era a terra esamine.

Intanto durante il tragitto, la sala operativa compartimentale provvedeva ad inviare agli operatori, tramite lo smartphone, il video dell’aggressione, tramite il quale si sarebbe potuto individuare il responsabile. Dalla visione delle immagini è stato accertato che un giovane era seduto sulla panchina quando è stato raggiunto da un altro individuo che ha iniziato a rovistare nello zaino indossato dal ragazzo. Quest’ultimo si è prima rivolto all’altro in maniera pacata per poi aggredirlo con ferocia. Ha continuato a sferrare calci e pugni nonostante il ‘rivale’ fosse già a terra.

Giunto in loco personale del 118 che dopo aver prestato i primi soccorsi, ha provveduto a trasportare la vittima presso l’Ospedale di Aversa, ove quei sanitari diagnosticavano al malcapitato diverse fratture al viso, guaribili in un periodo non inferiore ad un mese. L’autore dell’aggressione di 30 anni, dopo i dovuti adempimenti di polizia giudiziaria, è stato associato alla Casa Circondariale di  Poggioreale-Napoli.