Covid, l’odissea di un 67enne di Giugliano: muore ad Avellino dopo il trasferimento in gravi condizioni

Covid, l’odissea di un 67enne di Giugliano: muore ad Avellino dopo il trasferimento in gravi condizioni

L’ultima vittima del coronavirus in città. Sono oltre 3000 i contagiati


GIUGLIANO – Un’altra morte per covid in città. L’ultima vittima è un uomo di 67 anni che è morto all’Ospedale Moscati di Avellino dove era arrivato poche ore prima in gravissime condizioni. L’uomo presentava un grave quadro clinico.

Era stato operato al cuore e stava completando la riabilitazione in un centro in provincia di Avellino. Poi l’aggravarsi delle sue condizioni fino al ricovero di ieri nell’area Covid del Pronto soccorso dell’Azienda Moscati.

Dopo poche ore dall’arrivo in ospedale, però, il cuore del 67enne ha cessato di battere.

Situazione Covid a Giugliano

L’ultimo bollettino del Centro Operativo Comunale di Giugliano sulla situazione epidemica da Covid-19 in città, segnala che nel periodo 3-9 gennaio c’è stato un incremento di 1804 positivi a fronte di 841 guariti e 2 decessi.

 

Il numero degli attualmente positivi, alla data del 9 gennaio, è di 3263.