Covid Napoli, è svolta al Cardarelli: per i positivi stanze isolate nei reparti normali

Covid Napoli, è svolta al Cardarelli: per i positivi stanze isolate nei reparti normali

Direttore generale Longo: “Un cambiamento cercato e applicato anche da altri grandi ospedali in Italia”


NAPOLI – Due palazzine e l’ex Obi (Unità di osservazione breve) del Cardarelli a Napoli sono ‘dedicati’ da tempo al Covid, con 150 posti letto, ma oggi i positivi al virus in ospedale sono 180 per i quali si sfruttano ora i nuovi reparti. Stanze isolate per malati covid all’interno dei reparti normali.

Pazienti positivi nei reparti normali, è svolta

E’ questa la svolta decisa nel più grande ospedale di Napoli: “Una svolta cercata e applicata anche da altri grandi ospedali in Italia – spiega all’ANSA Giuseppe Longo, direttore generale dell’ospedale – e che ci permette di ricoverare pazienti che vengono per altre patologie ma risultano positivi al tampone covid visto che omicron è diffusissimo e spesso senza sintomi particolari”.
Pazienti che vanno al Cardarelli per altre patologie ma sono positivi, questa la nuova frontiera che il Cardarelli affronta: “Lo facciamo con impegno – spiega Longo – creando delle stanze isolate nei reparti, in cui il personale va con le tute specifiche da covid e fa turni più corti. Anche per questo abbiamo in corso un nuovo bando per venti infermieri e quindici medici specializzati che scade a inizio febbraio”