Da Gomorra al carcere, ‘Danielino’ arrestato per la seconda volta: aveva una pistola in auto

Da Gomorra al carcere, ‘Danielino’ arrestato per la seconda volta: aveva una pistola in auto

Gli agenti hanno rinvenuto nella vettura uno sfollagente telescopico in ferro mentre, indosso all’uomo, due cellulari e la chiave d’accensione di un’altra autovettura


NAPOLI – Vincenzo Sacchettino è lui il classico esempio di quando si dice che non c’è un limite tra realtà e finzione. Infatti lui è stato uno dei personaggi di Gomorra dove ha interpretato ‘Danielino’ qui in una foto di scena con Marco D’Amore, alias Ciro Di Marzio), il 23enne è stato arrestato dalla Polizia di Stato nel Rione Scampia a Napoli.

Il giovane, con precedenti di polizia, è stato trovato dagli agenti del locale Commissariato e dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura in possesso di una pistola e per questo motivo arrestato per porto abusivo di arma comune da sparo, ricettazione, porto di armi od oggetti atti ad offendere, lesioni e resistenza a Pubblico Ufficiale. In precedenza Sacchettino era stato bloccato nel 2019 e finì in carcere per spaccio di sostanze stupefacenti.  Durante le fasi dell’identificazione, ha spintonato gli operatori tentando nuovamente di darsi alla fuga fino a quando è stato raggiunto e definitivamente bloccato. Gli agenti hanno rinvenuto nella vettura uno sfollagente telescopico in ferro mentre, indosso all’uomo, due cellulari e la chiave d’accensione di un’altra autovettura nella quale hanno ritrovato una pistola calibro 45, rubata ad aprile 2012, con 7 cartucce.