Dad, Super Green pass e vaccini obbligatori: oggi riunione decisiva del Governo

Dad, Super Green pass e vaccini obbligatori: oggi riunione decisiva del Governo

Ci sarà una revisione sui contagi che potrebbe far scattare la DAD per la classe


ITALIA – Poche ore fa è incominciato il doppio incontro per le nuove misure anti Omicron, tra le ipotesi l’estensione del Super pass e l’obbligo vaccinale ai fragili.

Sono ore complicate queste per il Premier Draghi e per il suo governo, si sta cercando di stabilire nuove regole per frenare l’ondata Omicron. Ci sono alcune ipotesi sulle richieste che dovrebbero essere fatte e discusse negli incontri di oggi, e svariate posizioni sul da farsi. Le ipotesi più discusse e che stanno creando più crepe tra i partiti sono quelle sull’estensione del super green pass e sull’obbligo vaccinale.

la riunione della cabina di regia del governo sul Covid presieduta dal premier Mario Draghi, si sta tenendo a Palazzo Chigi. Alla riunione prendono parte i ministri Roberto Speranza di Leu, Dario Franceschini del Pd, Massimo Garavaglia della Lega, Elena Bonetti di Iv, Maria Stella Gelmini di Fi, Fabiana Dadone del M5s.

Ci sono inoltre i ministri della Pa Renato Brunetta, dell’Economia Daniele Franco e della Scuola Patrizio Bianchi, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli. Come sempre, prendono parte alla cabina di regia il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro e il capo del Cts Franco Locatelli.

Pd, Iv e Fi sono a favore dell’obbligo di vaccini, così come il ministro della Salute Roberto Speranza, mentre la Lega apre all’obbligo, ma solo per gli over 60.

Il ministro del Turismo Massimo Garavaglia porta la posizione della Lega sulle misure anti-Covid in favore della vaccinazione obbligatoria per gli over 60, “proprio per tutelare le fasce più fragili della popolazione”. In sede di riunione di governo, Garavaglia – viene riferito – ribadirà la necessità di non dimenticare l’impatto economico della pandemia su un settore importante per l’economia nazionale come il turismo. Pertanto, ribadirà la necessità di interventi a sostegno del settore, a partire dalla cassa integrazione per i lavoratori del settore.

Sono queste le posizioni dei partiti della maggioranza a ridosso della cabina di regia. Molti dubbi sembrano invece solcare il M5s, che ha al suo interno diverse posizioni: “Appare paradossale ragionare di obbligo vaccinale quando anche coloro che si rendono disponibili per la terza dose incontrano difficoltà a farla in tempi brevi”, ha detto ieri Giuseppe Conte. La cabina di regia dovrebbe avere al vaglio anche l’ipotesi, rilanciata ieri da Forza Italia, di obbligo di Super Green pass per tutti i lavoratori, ma questa proposta non sembra convincere del tutto neanche chi, come il Pd, è a favore dell’obbligo di vaccini per tutti. Sul tavolo della riunione di questo pomeriggio la Lega porterà una posizione concordata con i governatori, a favore dell’obbligo per chi ha più di 60 anni. Iv auspica che l’obbligo sia esteso a tutti, lavorando in maniera equilibrata su sanzioni e tempistiche.

L’escalation dei contagi – ieri il record dall’inizio della pandemia, 170mila – spinge il Governo verso una nuova stretta per frenare la corsa del virus.